A- A+
Economia
Boeing si dichiara colpevole. Svolta clamorosa sugli incidenti mortali del 737
Boeing 737 Max precipitato

Boeing amette le colpe. I due voli 737 Max precipitati in mare: 346 morti

La Boeing ha deciso di dichiararsi colpevole per gli incidenti che si sono verificati con il volo Lion Air 610 del 29 ottobre 2018, costato la vita a 189 persone e il volo Ethiopian Airlines 302 del 10 marzo 2019, precipitato in mare che ha portato al decesso di 157 persone tra passeggeri e membri dell'equipaggio. La Boeing - riporta Il Sole 24 Ore - ha dichiarato di aver "raggiunto un accordo" con il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sui due incidenti mortali del 737 MAX avvenuti più di cinque anni fa. "Abbiamo raggiunto un accordo di principio sui termini di una risoluzione con il Dipartimento di Giustizia", ha affermato la società in una nota inviata all’Afp, aggiungendo che l’accordo è soggetto "all’approvazione di termini specifici".

Leggi anche: Riprendono i voli non-stop tra Milano Malpensa e Bangkok

Un funzionario governativo Usa citato dall’agenzia di stampa britannica Reuters - prosegue Il Sole - aveva affermato in precedenza che la Boeing aveva accettato di dichiararsi colpevole di un’accusa di cospirazione per frode criminale per risolvere l’indagine del Dipartimento di Giustizia americano. In base all’accordo di principio con i pubblici ministeri statunitensi, Boeing rischia una multa penale di 487,2 milioni di dollari, il massimo consentito dalla legge, anche se l’importo effettivo sarà determinato da un giudice. L’azienda installerà un monitor aziendale e dovrà spendere almeno 455 milioni di dollari per rafforzare i suoi programmi di conformità e sicurezza nei prossimi tre anni come parte dell’accordo, che richiede l’approvazione del tribunale.






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


motori
Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.