A- A+
Economia
Bollorè/ Prisa, Mediaset, M6 e Lagardere: le sette vite di monsieur Vincent

Mai dare per finito un vecchio lupo di mare come il finanziere bretone Vincent Bollorè. Il quale, abituato a navigare su tutti gli specchi d’acqua, conosce trucchi e segreti per evitare di affondare. Prova ne sia quanto sta succedendo con il gruppo transalpino Lagardere, che segue gli avvenimenti recenti nelle aule dei tribunali italiani nella lunga querelle con Mediaset.

LP 11680493
 

Data ormai per certa da alcuni osservatori la sua parabola discendende, Bollorè invece è tornato protagonista sui mercati che spesso lo hanno visto in prima linea: telecomunicazioni ed editoria. A fine gennaio con un blitz, Bollorè si è aggiudicato la quota del 7,6% di Hsbc in Prisa, la società che edita "El Pais", il principale quotidiano spagnolo. Mossa che si inserisce allìinterno della strategia  di Vivendi di "diventare un leader globale nei contenuti ampliando l’accesso ai mercati di lingua spagnola in Europa, America Latina e Stati Uniti". E sempre nella prima parte dell'anno, il finanziere famoso per i suoi raid in Borsa ai danni delle aziende familiari (chiedere ai Berlusconi) ha messo nel mirino in madrepatria il dossier M6-Rtl, dossier che fa gola soprattutto per la parte radiofonica. 

Arnaud de Puyfontaine
 

Bollorè, dopo mesi passati a incassare colpi pesanti, inchieste giudiziarie in Africa per corruzione e investimenti miliardari in Italia che con Tim e Mediaset per il momento non hanno portato al decollo del progetto della Netflix del Sud Europa, in una settimana è stato in grado di ribaltare il tavolo. Quando il primo azionista di Vivendi ha ceduto il 60% di Universal Music, l’etichetta che gestisce un terzo del mercato musicale mondiale, in molti hanno pensato che stesse per ammainare bandiera bianca a causa delle imminenti sentenze civili (è attesa ora la parte penale in cui è indagato per aggiotaggio con il Ceo di Vivendi Arnauld de Puyfontaine) con il Biscione. 

E invece le cose si sono ribaltate rapidamente con il broadcaster di Cologno Monzese: dei tre miliardi con cui sembrava avrebbe dovuto rifondere la famiglia Berlusconi e gli altri soci, non è rimasta traccia. Il tribunale, infatti, ha chiesto a Vivendi di pagare 1,7 milioni a Mediaset. Noccioline per chi ha un patrimonio personale vicino ai 7,5 miliardi. Non solo, il tribunale di Milano ha anche annullato tutte le delibere del Biscione quando la Simon fiduciaria – il veicolo cui Vivendi aveva conferito il 19,19% del capitale complessivo – non era ammessa a votare in assemblea. 

LP 10969339

 

Ma attenzione, perché secondo qualcuno potrebbero cadere anche le delibere sul voto maggiorato dopo la creazione, in Olanda, della MediaForEurope per dare vita al polo continentale dell’intrattenimento. Così uno dei cavalli di battaglia di Pier Silvio Berlusconi rischia di finire nel dimenticatoio.

Ma non basta, perché oggi Bollorè ha incassato un altro punto a suo favore: il gruppo francese Lagardere, proprietaria della casa editrice Hachette, di vari media tra cui Europe 1 e Paris Match oltre che di una catena di negozi negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie e nelle autostrade, ha deciso di trasformarsi in una società per azioni (o anonyme come viene chiamata in Francia) e non più in accomandita. Un passaggio epocale, perché attualmente il controllo assoluto del gruppo editoriale è in mano ad Arnaud Lagardere, figlio del fondatore Jean-Luc, che “governa” con il 7,3% delle azioni. 

Un’ottima notizia sia per Bollorè sia per Amber sia per la Lvmh di Bernard Arnault. I tre, infatti, detengono quasi il 70% del capitale complessivo. Con la trasformazione in spa, tutti e tre avrebbero un peso superiore a quello di Lagardere stesso. Le trattative vanno avanti, ma sembra che a Vivendi potrebbero toccare tre consiglieri. 

Commenti
    Tags:
    vincent bollorèvivendimediasetprisauniversaltimlagardere
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Juventus e Pirlo, che disastro Ironia social post flop vs il Milan

    Sport

    Juventus e Pirlo, che disastro
    Ironia social post flop vs il Milan


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Defender porta in giro per l’Italia una casa mobile da vivere su Airbnb

    Defender porta in giro per l’Italia una casa mobile da vivere su Airbnb

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.