A- A+
Economia
Compagnia Sanpaolo, pax armata a Torino. Profumo verso la riconferma

Dopo le polemiche del 2016 con il sindaco grillino dovute al fatto che Francesco Profumo, presidente della Compagnia Sanpaolo, fosse espressione dell’ex primo cittadino (del Pd) Piero Fassino, quella fra Chiara Appendino e il presidente della fondazione a Torino la definiscono una sorta di pax armata sotto la Mole. Una serie di condizioni che, spiega chi frequenta le stanze del potere sabaudo, alla fine potrebbero proiettare Profumo verso una “tranquilla riconferma” in primavera del 2020 al vertice dell’ente torinese primo azionista di Banca Intesa con il 6,79% del capitale. E da lì, conservare la presidenza dell’Acri dove ha ricevuto il testimone dal lombardo Giovanni Guzzetti a maggio di quest’anno.

Profumo
 

Dopo gli ultimi screzi anche sulla cessione delle quote Iren da parte del Comune, pare infatti che la Appendino abbia deciso di sotterrare l’ascia di guerra non solamente per questioni di realpolitik dovute ad esempio all’incremento contributivo promesso dalla Compagnia nel bilancio previsionale per il triennio 2020, 2021 e 2022, ma anche perché l’ex ministro dell’Istruzione ha messo a disposizione del primo cittadino, si fa notare a Torino, “un’impressionante agenda di contatti” che hanno consentito alla Appendino di sbrogliare in poco tempo alcuni nodi che l’amministrazione si è trovata ad affrontare.

In più, pare che lo stessa sindaca grillina non abbia difficoltà a riconoscere che il presidente della Compagnia Sanpaolo l’abbia aiutata a ricoprire gli spazi rimasti vuoti nelle municipalizzate, trovando persone di grande competenza, quindi utili al buon governo cittadino. 

Appendino ape 2
 

C’è un altro fattore che, spiegano i bene informati, concorre a un bis di Profumo alla fondazione e cioè il fatto che in Banca Intesa, il primo istituto di credito del Paese, vedano con favore una continuità al vertice della Compagnia. Quella stessa continuità che Profumo ha garantito in Ca’ de Sass dopo esser stato il primo all’inizio di quest’anno ad aprire ad una riconferma in blocco del consiglio di amministrazione della banca.

Ragioni di continuità, riferiscono le fonti, ci sono anche nei progetti aperti dalla Compagnia sul territorio, programmi da portare a conclusione. 

Una spia del cambio dello scenario sotto la Mole è la decisione della vicepresidente di Confindustria Licia Mattioli, ex numero uno degli industriali di Torino e secondo molti candidata in pectore della Appendino per la guida della fondazione da vice di Profumo, di spendersi invece per la corsa alla prossima presidenza di Viale dell’Astronomia. Un fronte che esclude altre candidature parallele inopportune.

twitter11@andreadeugeni

Loading...
Commenti
    Tags:
    compagnia sanpaolofrancesco profumochiara appendinolicia mattioliintesa sanpaoloconfindustria
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Al bancomat per prelevare 500 € "Perché che ce devi fà?"

    L'ironia della rete

    Al bancomat per prelevare 500 €
    "Perché che ce devi fà?"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Dopo il coronavirus, Ariya nuova in casa Nissan

    Dopo il coronavirus, Ariya nuova in casa Nissan

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.