A- A+
Economia
Creval, Dumont molla Lovaglio. Agricole a un passo dal successo
Giampiero Maioli, Ceo del Credit Agricole Italia

Ha sbagliato chi pensava che il Covid avrebbe costretto a vendere – o, per meglio dire, a svendere – i gioiellini della nostra economia. Prova ne sia che il Crédit Agricole, che aveva messo sul piatto 737 milioni totali per acquistare (a 10,5 euro per azione) il Credito Valtellinese ha avuto vita dura e ha dovuto rialzare due volte l’offerta prima di poter ottenere – ormai pare acclarato – il definitivo sì.

Dunque, quando si è deciso di portare la valutazione degli stock a 12,5 euro, con una clausola però che imponeva il pagamento di 30 centesimi solo al raggiungimento della soglia del 90% di adesioni (altrimenti ci si sarebbe fermati a 12,2) si è levata una pioggia di crtiche. In effetti, si diceva, il valore dovrebbe essere ulteriormente elevato fino a toccare i 13 euro, in linea con la fairness opinion di Bank of America e di Mediobanca, advisor della banca di Luigi Lovaglio per l'operazione. Si noti che mai, negli ultimi mesi, si è sforata quella quota. 

Luigi Lovaglio AD Creval presentazione
Il Ceo del Creval Luigi Lovaglio

Ma il mercato, per l’appunto, pretende di essere ben remunerato. E non si capiva per quale motivo si sarebbe dovuto accettare un prezzo sostanzialmente poco vantaggioso.

Poi però è successo che le borse hanno ripreso a tremare per il progredire della pandemia che non accenna a togliere il suo morso d’acciaio dall’economia. A quel punto le azioni del Creval sono scese sotto la quota dell’offerta, causa una contrazione di Piazza Affari prossima al 2,5%. 

La Banque Verte non ha potuto fare altro che ritoccare per l’ultima volta la sua offerta, confermandola a 12,5 euro totali, senza “split” in caso o meno di adesione e tutti si sono convinti. Dumont, che aveva portato avanti una battaglia a spada tratta per evitare la vendita, si è improvvisamente ricreduto e ha accettato. L’offerta è stata prolungata al 23 e 24 aprile, ma già oggi siamo sopra il 52% di adesioni (secondo fonti finanziarie, avrebbero già detto sì anche i fondi ex oppositori Petrus Advisers, Hosking Partners, Macquarie e Alta Global che è uscito allo scoperto con una nota), una percentuale che può arrivare al 66% in vista di un’assemblea che aveva bocciato le proposte di Crédit Agricole.

Le lezioni che si possono ricavare da questi avvenimenti sono sostanzialmente due: la prima è che chiunque abbia in mente di avviare ulteriori aggregazioni nel mondo bancario non potrà farlo con una logica da “squalo”. Troppo frammentato l’azionariato, troppo alta la presenza di fondi che vogliono massimizzare gli investimenti per pensare di arrivare e di usare la logica del “pesce più grande”.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    crevalluigi lovagliocredit agricolegiampiero maioliopa crevaldenis dumont crevalborsa creval
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre

    Spettacoli

    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida

    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.