A- A+
Economia
CreVal, Maioli: "Ultimo ritocco". Ma le adesioni all'Opa rimangono piantate
Giampiero Maioli, Ceo del Credit Agricole Italia

Restano piantate al 15,6% le adesioni all'Opa del Credit Agricole sul Creval anche dopo che il prezzo è  stato ritoccato a 12,5 euro, comprendendo un bonus di 0,30 euro qualora l'offerta raccolga più del 90% delle adesioni. Il valore rivisto se non si avverasse tale condizione è di 12,2 euro, dall'iniziale 10,5 euro. Ancora sotto, però, rispetto alla fairness opinion fissata dagli advisor del gruppo guidato da Luigi Lovaglio. Advisor che hanno stimato un valore minimo di 12,95 euro per azione.  

Ma a quattro giorni lavorativi alla chiusura, salvo proroga, dell’offerta sono state apportate oggi 23.088 azioni, portando il totale complessivo a 10.696.536 azioni, pari al 15,63% dei titoli oggetto dell’Opa. Non lontano dalla percentuale riconducibile alle quote del Credit Agricole Assurances e di Algebris, adesioni date già per ascritte al fronte pro-Banque Verte.  In Borsa oggi il titolo CreVal ha chiuso in calo a 12,25 euro.

Luigi Lovaglio AD Creval
Il Ceo del CreVal Luigi Lovaglio

"Stiamo offrendo un corrispettivo 100% cash con un premio senza precedenti nella storia delle Opa in Italia. Abbiamo anche previsto un bonus aggiuntivo nel caso in cui l'Opa raggiunga un'adesione elevata da parte degli azionisti. un riconoscimento importante per tutti i soci Creval a conferma della bontà del nostro progetto, che ha un'ottica industriale ben precisa e punta alla valorizzazione del territorio e al sostegno all'economia reale, continuando a confermare la grande attenzione e fiducia nell'Italia, con una visione di lungo periodo, da parte del gruppo Credit Agricole. Questa è la nostra offerta finale e ricordo che è l’unica”, ha spiegato responsabile del Credit Agricole in Italia Giampiero Maioli, commentando il ritocco dell’offerta per l'acquisto del 100% del Creval, comunicato ieri a mercati chiusi. 

"Lo scenario macroeconomico dopo il lancio dell'Opa si è evoluto positivamente e le stime di crescita per il nostro Paese sono state riviste al rialzo. L'insediamento del nuovo Governo guidato da Draghi ha avuto dei riflessi importanti anche sulle performance dei mercati e del settore bancario in particolare. Il nostro obiettivo è quello di generare benefici per tutti gli stakeholders ed abbiamo ritenuto opportuno arricchire ulteriormente la nostra offerta".

Il rilancio arriva dopo che il Cda della banca valtellinese aveva giudicato il prezzo offerto "non congruo" e dopo che alcuni soci, tra cui l'imprenditore francese Denis Dumont (6,15%) e il fondo di investimento Petrus Advisers, avevano esplicitamente chiesto un rilancio negando, diversamente, l'adesione all'offerta. Inoltre, dopo che circa due settimane dal lancio dell'Opa le adesioni si attestavano al 15,59481%. Con l'arricchimento dell'offerta, Parigi punta a smuovere le adesioni. Intanto, oltre all'assemblea del 19 aprile, ora si attende una nuovo Cda del CreVal (che non si è tenuto oggi) chiamato a esprimersi sul ritocco. 

@andreadeugeni

Commenti
    Tags:
    crevalcredit agricole italiagiampiero maioliopa crevalluigi lovaglio
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre

    Spettacoli

    David di Donatello, il commovente discorso della figlia di Mattia Torre


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida

    Alfa Romeo: Giulia GTA il massimo della potenza e del piacere di guida

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.