A- A+
Economia
Crew Dragon a Terra dopo sei mesi. Rientro a 27.000 km/h. Video Nasa
Advertisement

SpaceX e Nasa hanno riportato a Terra con successo gli astronauti che erano stati sulla Stazione spaziale internazionale per sei mesi. La navicella spaziale Crew Dragon è infatti ammarata con successo, sostenuta da 4 paracadutI, con a bordo tre astronauti americani e un giapponese, Michael Hopkins, Victor Glover e Shannon Walker della Nasa e il giapponese Soichi Noguchi della Japan Aerospace Exploration Agency.

Il video della Nasa sul rientro e l'ammaraggio della navicella Crew Dragon

L'ammaraggio, dopo 160 giorni nello spazio, è avvenuto di fronte alle coste di Panama City, in Florida, ed è stato trasmesso in diretta dalla Nasa con immagini strabilianti. I quattro astronauti erano stati i primi in missione "operativa" ad essere trasportati sulla Iss dalla compagnia spaziale di Elon Musk, il visionario miliardario che è diventato un partner determinante della Nasa.

Altri due americani avevano già effettuato il viaggio di andata e ritorno a bordo di Dragon nel 2020, ma era stata una missione di prova di due mesi appena, il primo volo verso l'Iss lanciato dagli Stati Uniti dalla fine delle missioni degli Space Shuttle, nel 2011, e il primo compiuto da una compagnia privata con astronauti a bordo.

Questa è la prima missione regolare ad essere trasportata sulla Terra da SpaceX. Per il ritorno sulla terra, gli astronauti hanno utilizzato la stessa astronave Dragon, battezzata "Resilience", che li ha portati in orbita e che SpaceX prevede di riutilizzare per altre missioni, dopo averla ricondizionata. Sganciatosi dal modulo Harmony della Stazione spaziale, la navicella spaziale -che si chiama Resilience e ha uno spazio interno di 9 metri quadrati- ha riportato sulla Terra anche il risultato dei vari esperimenti condotti a bordo dell'Iss: un carico di 250 kg di materiale.

Il carico viene conservato nella sezione pressurizzata, in armadietti di sicurezza che sono congelatori refrigerati. Il ritorno di questo equipaggio, Crew-1, avviene dopo l'arrivo a bordo della Iss, la scorsa settimana, di una seconda missione regolare, Crew-2, missione sempre effettuata dalla compagnia americana.

Il rientro in atmosfera della navetta non è stata una passeggiata. La navetta e i quattro astronauti a bordo per tornare sulla Terra hanno dovuto sottoporsi a un vero e proprio stress test che rappresenta sempre una fase molto delicata delle missioni spaziali. Si tratta di una serie di effetti fisici correlati alla grande velocita' - stimata intorno ai 27.000 chilometri orari, venti volte la velocità del suono - con cui la navicella inizia ad avvicinarsi all'atmosfera terrestre durante le fasi di discesa.

(Segue: la descrizione del rientro...)

Commenti
    Tags:
    crew dragonnasaspace x
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    L'ex di Cristiano Ronaldo va in gol Perizoma e... si toglie il reggiseno

    Wanda, Diletta e... le foto delle Vip

    L'ex di Cristiano Ronaldo va in gol
    Perizoma e... si toglie il reggiseno


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Opel svela il nuovo Vivaro-e HYDROGEN

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.