A- A+
Economia
Dea Scuola verso Mondadori, con Porro al via la mission ricavi per Segrate
Marina Berlusconi
IPA

Ora che è arrivata la conferma ufficiale da parte dei diretti interessati si può effettivamente dire che Mondadori è pronta a rilevare le attività di De Agostini Scuola, quarto player in Italia nell’editoria scolastica con una quota di mercato intorno al 10,7% e un fatturato che si attesta a 75,7 milioni. Come riporta Il Sole 24 Ore, dei 450 milioni ottenuti come linee di credito dalle banche dal gruppo guidato da Marina Berlusconi e dall’amministratore delegato Antonio Porro, oltre la metà doveva essere destinata alla crescita per linee esterne.

Mondadori Bookstore Bicocca   Milano
 

Erano due anni, poi, che a Segrate si diceva che le acquisizioni avrebbero interessato soprattutto due settori: l’editoria scolastica e il digitale. Ed ecco che ora arriva la conferma. Rilevando Dea Scuola, Mondadori diventerebbe di gran lunga il primo player nel settore. Al 10,7% dell’azienda novarese si aggiungerebbe il 22,1% del gruppo (con un fatturato di 164,8 milioni, figlio di Rizzoli Education e Mondadori Education che si sommerebbero agli oltre 75 di Dea Scuola).

Il risultato, dunque, sarebbe di distanziare di oltre 10 punti percentuali il principale competitor, cioè Zanichelli. Una mossa che avrebbe come unico ostacolo l’Agcm, l’Authority che si era già espressa chiedendo rapporti più limpidi tra le case editrici e distributori nel settore scolastico.

Mondadori, d’altronde, sta continuando nella meticolosa riorganizzazione del gruppo. Impresa non sempre facile. Perché se il libro non ha subito particolari rallentamenti, e anzi è cresciuto grazie anche al lockdown, il settore periodici ha vissuto e continua a vivere momenti complicati. Il raffronto tra il periodo gennaio-aprile 2020 e 2021 è impietoso: il crollo complessivo (fonte Nielsen) degli investimenti pubblicitari è del 19,1%.

La cessione di alcuni prodotti editoriali, soprattutto alle società che fanno capo a Maurizio Belpietro, ha permesso di eliminare quei “rami” che non portavano più i frutti di un tempo. La società ha più volte dichiarato di volersi concentrare sui segmenti “core”, in particolare i libri dove Mondadori detiene una quota di mercato superiore al 24,8%.

Ma c’è da migliorare ancora per quanto concerne i bilanci. L’esercizio 2019 aveva riportato agli azionisti una cedola che mancava da otto anni e che aveva fatto ben sperare per il futuro. Poi il Covid-19 ha ovviamente cambiato i piani.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    mondadorimarina berlusconidea scuolamondadori librifininvest




    
    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete


    motori
    Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

    Volkswagen lancia il progetto per l’auto elettrica da 20.000 euro

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.