A- A+
Economia
Edizione Holding, Alessandro Benetton nuovo patriarca: cambia la governance

Benetton, ruolo sempre più centrale del presidente Alessandro

Nuovo riassetto in Benetton, più poteri affidati al presidente Alessandro e indirizzo strategico in mano al board. Sono queste le principali novità stabilite dalla società durante l'assemblea degli azionisti dello scorso 26 maggio. Si può dire che adesso sia partita a tutti gli effetti la "rivoluzione" del sistema di Edizione, la holding da 12 miliardi di partecipazioni che fa capo alla famiglia Benetton. Completato così quel processo di riorganizzazione iniziato nel 2021. Sistemato soprattutto uno dei passaggi più delicati delle grandi dinastie, quello generazionale, attraverso un percorso prestabilito e valido per tutti gli azionisti. Tante le novità, a partire dal fatto che - riporta Il Sole 24 Ore - per candidarsi al cda sarà richiesto un master e un periodo lavorativo di almeno cinque anni in società al di fuori dal gruppo per la dinastia Benetton di terza generazione.

Il direttore di affaritaliani.it Angelo Maria Perrino intervista Alessandro Benetton: "Per il manager d'oggi contano filosofia e studi classici"

Con la nuova governance - prosegue Il Sole - aumenteranno anche i poteri del presidente, ruolo attualmente ricoperto da Alessandro Benetton. Meno voce in capitolo da parte dei soci che vedono così ridimensionato il potere dell’assemblea che a partire da ora si focalizzerà sulla nomina del cda e del presidente, l’approvazione del bilancio di esercizio e la delibera della distribuzione dei dividendi. Più in generale Edizione, che a partire dalla prossima assemblea adotterà il sistema monistico rispetto a quello tradizionale, assume attraverso il board un ruolo di indirizzo strategico, che comprende anche la scelta di avviare autonomamente operazioni straordinarie sulle proprie partecipate.

LEGGI ANCHE: Saggezza aziendale, perle e perline di Alessandro Benetton. VIDEO

La novità più significativa però come detto riguarda le regole sulla terza generazione dei Benetton, non basterà più il cognome per entrare nel board e fare carriera. Sarà infatti obbligatorio seguire un percorso prestabilito. Primo, si dovrà aver completato, con esito positivo, un corso di studi post-universitario (master o PHD) in una materia economica, ingegneristica o giuridica o nell’ambito delle relazioni internazionali presso un istituto universitario di prestigio e qualità di chiara fama; inoltre, bisognerà aver conseguito una esperienza lavorativa o professionale in contesti indipendenti rispetto al Nucleo Familiare e a società controllate o partecipate da soggetti appartenenti al medesimo nucleo, per almeno 5 anni nel settore investment banking, corporate finance, strategic advisory, private equity, oppure in uno dei settori in cui operano le principali società partecipate di Edizione.

Leggi anche: Benetton Group, al via il rinnovo del Cda: Coco presidente e Sforza nuovo Ad

Questa transizione ha individuato nell’attuale presidente Alessandro Benetton la figura di sintesi e guida della dinastia. Ma è evidente che la crescita fisiologica della famiglia e del conseguente numero degli azionisti di Edizione ha imposto delle riflessioni. Prima fra tutte, la necessità di spostare da un’assemblea sempre più numerosa a un board sovrano l’ultima parola sulle scelte strategiche del gruppo. 






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
Scopri la LEGO Technic McLaren P1™: La Hypercar da costruire

Scopri la LEGO Technic McLaren P1™: La Hypercar da costruire

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.