A- A+
Economia
Voto Francia, il vento soffia a Sx ma i mercati restano incerti. Effetti
Elezioni Francia

Schroders: le implicazioni del voto francese per i mercati

Obbligazionario, commento a cura di cura di James Ringer, Fixed Income Portfolio Manager e Thomas Gabbey, Fund Manager, Schroders

I risultati delle elezioni di domenica non hanno portato la chiarezza sperata. Il perdurare dell'incertezza sulla formazione del governo significa che rimangono molte domande senza risposta. Potrebbero essere necessarie diverse settimane per chiarirle e ogni scenario potrebbe offrire risultati molto diversi per l'economia e le finanze della Francia. 

Allo stato attuale, la probabilità di un parlamento sospeso è aumentata, diventando lo scenario più probabile. Con esso si verifica la paralisi fiscale, che date le preoccupazioni di bilancio è la più favorevole al mercato per ora, almeno fino ai negoziati sul bilancio nell'autunno del 2024.

LEGGI ANCHE: Elezioni in Francia: bellezza o maschera della democrazia?

Nel frattempo, prevediamo che il flusso di notizie manterrà la volatilità relativamente alta in tutte le asset class obbligazionarie dell'Eurozona.

Con una grande incertezza già prezzata nei titoli di Stato francesi in vista del secondo turno elettorale, il risultato ha dato un po' di sollievo nell’immediato. L'attenzione si concentra ora sulla portata della coalizione di sinistra e, realisticamente, sull'incapacità del governo di minoranza del PNF di rispettare le promesse espansive del suo manifesto fiscale. 

Pensiamo che sia limitato, ma la fragilità della posizione fiscale della Francia rimane in primo piano e con il paese già messo sotto osservazione dalla Commissione Europea, resta da vedere come il nuovo governo affronterà le sfide della procedura per i disavanzi eccessivi.

Per questi motivi, per il momento rimaniamo neutrali sul rischio sovrano francese. Anche sui mercati periferici, in particolare quelli più vulnerabili dal punto di vista fiscale e con effetti di contagio, come l'Italia, adottiamo una posizione neutrale. Rispetto ai fondamentali, da tempo consideriamo questi mercati tra i più costosi. 

Allo stesso modo, le valutazioni delle obbligazioni garantite francesi, che sono rimaste relativamente stabili rispetto ai titoli finanziari senior, non sono così convincenti come all'inizio dell'anno e siamo meno costruttivi su di esse.

Rimaniamo relativamente ottimisti sul credito investment grade europeo più in generale, anche se il rischio francese nelle nostre strategie rimane relativamente basso. Analogamente all'azione dei prezzi che stiamo vedendo nello spread sovrano Francia-Bund, le banche francesi, che erano più vulnerabili durante il sell-off, hanno già iniziato a ritracciare la loro debolezza precedente.

Ad un certo punto, ci aspettiamo che la natura indiscriminata della volatilità del mercato possa aprire alcune opportunità idiosincratiche, ma non è ancora il momento.

La nostra sensazione è che l'esito delle elezioni non influirà in modo significativo sulle condizioni di politica monetaria. Sebbene l'indisciplina fiscale degli Stati membri desti preoccupazione, è improbabile che precluda il ciclo di allentamento che la Bce ha già intrapreso, grazie ai progressi sul fronte della disinflazione. Ciò dovrebbe offrire un certo sostegno agli asset europei a reddito fisso nel medio termine.

Azionario, commento a cura di Martin Skanberg, Fund Manager, European Equities, Schroders

 

Skanberg Martin Schroders

 

L'annuncio a sorpresa delle elezioni parlamentari francesi ha visto l’azionario francese sottoperformare a giugno. L'indice francese CAC 40 è sceso del -6,4% rispetto al -2,6% dell'indice dell’Eurozona, l'MSCI EMU. 

Ciò è dovuto in gran parte all'incertezza sul programma economico di RN, che si prevedeva avrebbe ottenuto un gran numero di seggi. In particolare, le azioni delle società nazionali francesi (banche, servizi pubblici, operatori di infrastrutture) sono state sotto pressione. La natura di un'elezione lampo ha fatto sì che fossero disponibili poche informazioni concrete sui piani di RN. La leader, Marine Le Pen, aveva precedentemente indicato il desiderio di nazionalizzare gli asset delle strade a pedaggio.

I titoli francesi hanno poi recuperato un po', con il CAC 40 che ha guadagnato il 2,6% nella settimana successiva al voto del primo turno, che indicava un parlamento sospeso. Questo risultato è stato ora confermato, ma con l'alleanza di sinistra che è emersa come il blocco più grande, seguita dai centristi. 

Un parlamento sospeso, con Emmanuel Macron ancora al suo posto come presidente, significherà probabilmente un periodo di incertezza con pochi risultati sul fronte politico.  

Nel team European Blend, investiamo sulla base di opportunità specifiche legate a singoli titoli, non sulla base di view sui singoli paesi. Il processo di formazione di un nuovo governo potrebbe richiedere del tempo e si tratterà di vedere se le future vendite di azioni francesi porteranno a un'errata valutazione dei singoli titoli.

La Francia non è l'unico Paese in cui si terranno le elezioni quest'anno. Gli investitori devono essere in grado di orientarsi tra questi eventi e concentrarsi sulle opportunità specifiche per i titoli che possono emergere dalla volatilità che ne deriva.

Articolo a cura di James Ringer, Fixed Income Portfolio Manager e Thomas Gabbey, Fund Manager, Schroders






in evidenza
Affari in Rete

Esteri

Affari in Rete


motori
NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

NISMO torna in Europa con la nuova Nissan Ariya NISMO elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.