A- A+
Economia
Eni, Descalzi: "Un cammino irreversibile verso la transizione energetica"

L'intervista di Reuters a Claudio Descalzi

Claudio Descalzi, Amministratore Delegato di Eni, vuole "trasformare la major petrolifera e del gas in un'azienda più ecologica, concentrandosi su prodotti a bassa emissione per creare un vasto bacino di clienti che stabilizzi il business e attragga investitori", si legge su Reuters. Il numero uno di Eni ha dichiarato in un'intervista rilasciata all'agenzia di stampa che intende "assicurarsi che Eni svolga un ruolo nella transizione energetica che, dice, ha subìto un'accelerazione dopo l'emergenza Coronavirus".

"In questi prossimi 3 anni - ha aggiunto - voglio tracciare un cammino completamente irreversibile per il gruppo", ha spiegato il manager. Sessantacinque anni, in passato responsabile delle attività a monte di Eni prima di diventare numero uno del gruppo nel 2014, Descalzi sta cercando di creare una società più snella e flessibile che possa cambiare molto rapidamente per soddisfare le condizioni di mercato ma con una chiara visione di lungo periodo".

"Ciò che è chiaro è che dobbiamo fornire diversi tipi di prodotti energetici ai nostri clienti", ha aggiunto Descalzi. Lo scorso febbraio, ricorda Reuters, "Eni si è impegnata a ridurre dell'80% le emissioni di gas serra in una delle più ambiziose spinte verso la transizione energetica in un settore sotto pressione degli investitori affinché diventi più verde. Per fare ciò avrà meno petrolio e più gas nel portafoglio, costruirà capacità rinnovabile, convertirà le raffinerie in biocarburanti e intensificherà i progetti di silvicoltura e cattura di carbonio".

"L'impatto del Covid-19 sarà con noi per un anno o due ed è per questo che abbiamo lavorato molto velocemente sulla nostra nuova riorganizzazione", spiega Descalzi.

Come riporta Reuters, "Eni ha diviso in due il business, creando una divisione per concentrarsi sull'energia pulita. Il piano arriva in un momento in cui il settore petrolifero e del gas si trova ad affrontare un crollo della domanda a seguito dell'epidemia di coronavirus e una incertezza sul lungo termine in un quadro che vede i governi mobilitarsi contro i cambiamenti climatici.Descalzi ha respinto i timori sul fatto che allontanarsi dal petrolio potrebbe minare i rendimenti poiché le nuove imprese 'Energy Evolution' sono a minore intensità di capitale e meno rischiose con circa l'80% della nuova energia nei paesi Ocse".

"Il gruppo - aggiunge l'agenzia - intende introdurre nuove materie prime per alimentare bio-raffinerie e centrali elettriche tra cui biogas, grassi animali e rifiuti inorganici, nel tentativo di sviluppare i prodotti puliti che aumenteranno il pool di clienti da 9 milioni a oltre 20 milioni di 2050. "Stiamo ottenendo rendimenti del 15% sulle nostre bio-raffinerie e questo aumenterà ulteriormente quando toglieremo l'olio di palma entro la fine del 2022", spiega Descalzi. "Quindi possiamo confrontare i rendimenti con le attività a monte solo con un rischio inferiore".

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    enieni descalzi
    Loading...
    i più visti

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    L'Arma deri Carabinieri arruola 52 Nissan Leaf

    L'Arma deri Carabinieri arruola 52 Nissan Leaf

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.