A- A+
Economia
FiberCop, ecco come sarà la nuova società della rete scorporata da Tim

FiberCop, 20mila dipendenti e un fatturato da 4,2 mld: ecco come sarà la nuova società della rete scorporata da Tim 

Si chiamerà FiberCop la nuova società della rete che, scorporata da Tim, passerà, lunedì prossimo 1 luglio, nelle mani del fondo Usa Kkr e del governo italiano con quote al Mef  e F2i e un notevole potere di governance. Il nome è quello della rete secondaria di Tim, quella in rame e fibra, che era già nelle mani di Kkr per una quota del 42%. Lo scorporo della rete è una mossa ordita, oltre che ardita, dall'ad di Tim Pietro Labriola per far fronte al debito rilevante, 26 miliardi, che pesa sulla società e che sarà alleggerito di 14 miliardi grazie all'incasso di 18,8 miliardi che potrebbero lievitare fino a 22 se si giungerà alla fusione con Open Fiber. La mossa, come già detto, è ardita, vista la contrarietà del maggior azionista di Tim Vivendi (23,7%), e, alla luce anche del fatto che nessun ex-monopolista si è mai privato della sua capillare rete di accesso.

LEGGI ANCHE: Tim, ecco che cosa può succedere dopo il 1° luglio con la cessione della rete

Ora dunque bisognerà capire come cambieranno i rapporti tra Tim e la sua rete. Questi accordi sono regolati da un apposito contratto di cui però non si conoscono con esattezza i termini. Si sa invece che, per ottenere l'ok dall'Antitrust europeo, la nuova società della rete, ossia FiberCop, si è impegnata a mantenere gli attuali accordi con i concorrenti (Fastweb, in procinto di acquisire Vodafone e Iliad) che potranno così continuare ad acquistare fibra spenta per circa 8,5 euro (al mese) a linea per poi rivenderla "accesa" ossia con i servizi di rete.  Questo vuol dire che Kkr e il Mef non potranno incrementare gli incassi che non sono stellari ma con alti marginiFiberCop, secondo quanto emerso, fattura 4,2 miliardi all'anno ma con un ebitda, ossia un margine lordo, molto alto, pari al 50%. 

La nuova società della rete avrà circa 20mila dipendenti. A Milano alcune persone come lo staff ufficio stampa, hanno già cambiato sede passando dalla storica via Negri a un palazzo vicino a Viale Monza dove c'è anche una centrale. Quanto allo sviluppo della rete, tra primaria e secondaria si aggira intorno ai 24 milioni di chilometri e, ciò che più conta, arriva fino a dentro le case degli italiani. Una differenza sostanziale rispetto alla rete di Open Fiber che deve invece affrontare la difficoltà della realizzazione dell'ultimo miglio dal cabinet alle abitazioni ma che ha un vantaggio non di poco conto: avere una rete completamente in fibra mentre FiberCop sta ancora lavorando per portare la fibra al posto del rame.

FiberCop a regime sarà controllata al 37,8% da Kkr mentre i fondi Adia (Abu Dhabi) e Cppib (Canada) avranno il 17,5% a testa, il Mef il 16% e F2i l'11,2%. Quanto ai vertici l'ad dovrebbe essere Luigi Ferraris, oggi in Fs mentre Massimo Sarmi è proposto alla presidenza e Elisabetta Romano, ingegnere di grande esperienza dovrebbe restare come Ctu, ossia Chief Technology Officer. 

La vendita di NetCo rappresenta certamente una svolta strategica per Tim, che potrà così concentrarsi sulla crescita delle altre attività (i servizi fisso e mobile, quelli Enterprise e la gallina dalle uova d'oro, ossia il Brasile). L’azienda ha aggiornato il calendario finanziario e il cda  si riunirà il 31 luglio per esaminare i risultati finanziari preliminari al 30 giugno. In rampa di lancio c'è anche la trattativa per la vendita di Sparkle che dovrebbe passare al Mef e al fondo Asterion per circa 800 milioni.






in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

MG celebra 100 anni di storia al Goodwood Festival of Speed

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.