A- A+
Economia
Fisco, 4-5 mesi in più per pagare le cartelle. Il governo apre alla proroga

Fisco, 4-5 mesi in più per pagare le cartelle. Il governo apre all'ipotesi

In commissione Finanze alla Camera e al Senato si vota sulla proroga delle scadenze delle cartelle esattoriali. Il Parlamento - si legge sul Sole 24 Ore - chiede al Governo di consentire ai contribuenti che dal 1° settembre hanno già iniziato a ricevere gli atti della riscossione, di saldare il conto nei 150 giorni successivi alla notifica. È uno degli impegni nella risoluzione che le commissioni, presiedute rispettivamente da Luigi Marattin (Iv) e Luciano D’Alfonso (Pd), si apprestano oggi a votare sul documento relativo allo stato della riscossione depositato a metà luglio dal ministro dell'Economia Daniele Franco.

A quanto risulta - prosegue il Sole - il governo non sarebbe contrario a questa dilazione dei termini di pagamento ma potrebbe valutare un intervallo diverso, magari quattro mesi. La rottamazione quarter da parte dell'ala destra della maggioranza, resta un'ipotesi sul tavolo e non si esclude che la misura possa entrare direttamente nel decreto fiscale collegato.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cartelle esattorialicommissione finanzefiscogovernoquando si pagano le tassetasse
    i più visti

    casa, immobiliare
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.