A- A+
Economia
Fisco, basta pignoramenti per chi rateizza cartelle e paga il primo bollettino

Fisco, basta pignoramenti per chi rateizza e paga il primo bollettino

La commissione finanze della Camera e del Senato ha approvato un documento sulla riforma dell'attività di riscossione annunciata dal governo e - si legge sul Messaggero - ora pronta a partire con provvedimenti a favore del contribuente in difficoltà. Ma allo stesso tempo con una stretta e l'introduzione di nuovi strumenti per rafforzare la lotta all'evasione. La risoluzione prevede innanzitutto la possibilità per i contribuenti che hanno subito un pignoramento di stipendi e salari a fronte del mancato pagamento dei loro debiti fiscali, di svincolarsi dalla misura esecutiva chiedendo una rateizzazione del debito dopo aver pagato la prima rata.

Il Parlamento - prosegue il Messaggero - ha anche impegnato l'esecutivo per mettere in campo ulteriori strumenti in questa fase di uscita dall'emergenza, primo fra tutti, estendere da 60 a 150 giorni il termine oltre il quale pagare una cartella dal momento in cui essa viene notificata. Il documento affronta anche il grande tema del magazzino dei crediti non riscossi che a fine 2020 ammontavano a 999 miliardi. Infine è allo studio la possibilità di estendere le agevolazioni attualmente in vigore causa pandemia, per le rateizzazioni.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cartelle esattorialicommissione finanzefiscogovernogoverno draghipignoramentirate debitoscadenza cartelle esattorialitasse
    i più visti

    casa, immobiliare
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.