A- A+
Economia
Fisker, conti rosso sangue: dichiarato fallimento. Ma rimane un'ultima chance

Fisker, la casa di auto elettriche dichiara fallimento

La Fisker sbanda definitivamente. Fondata nel 2016 da Henrik Fisker e dalla moglie Geeta Gupta-Fisker, la casa di auto elettriche americana ha dichiarato il fallimento in Delaware sotto il Chapter 11, la normativa fallimentare principale degli Stati Uniti.

Da anni, infatti, Fisker versava in condizioni economiche molto traballanti. Rispetto al 26 febbraio 2021, quando il titolo della società raggiunse il massimo del proprio valore a quota 28,5 dollari, oggi il titolo vale poco più di 1 centesimo.

LEGGI ANCHE: Fisker sprofonda in Borsa, bruciati oltre 3 mld in 6 mesi. Incubo bancarotta

Se a febbraio del 2021, infatti, il titolo valeva circa 13 miliardi e 680 milioni di dollari, oggi ne vale solamente 8,64 milioni. Si tratta di un crollo del 99,9%. Per provare a risollevare i conti, l’azienda ha deciso di licenziare il 15% dei suoi dipendenti e sospeso la produzione dei suoi veicoli per sei settimane. Inoltre, ha anche ridotto i prezzi del suo unico modello in commercio, la SUV Ocean.

E, per ultimo, il tentativo andato a rotoli di formare una partnership produttiva in Nord America con un altro produttore automobilistico, presumibilmente Nissan. Così, Fisker non ha avuto altra scelta che dichiarare fallimento.

Nel dettaglio, l'azienda ha dichiarato attivi tra i 500 milioni e 1 miliardo di dollari e passività tra i 100 e 500 milioni di dollari, con un numero di creditori tra i 200 e 999. Si allontana, dunque, il sogno del fondatore Henrik Fisker di competere sulle strade di tutto il mondo con le più fortunate Tesla di Elon Musk.

Ma non è finita qui. Con il Chapter 11, Fisker ha la possibilità di intraprendere una ristrutturazione interna per sanare i debiti e tentare di recuperare la stabilità finanziaria, iniziando con la vendita dei propri asset per ripianare i debiti.

Tuttavia, la produzione è attualmente ferma e le operazioni dell'azienda sono ridotte al minimo. E se il piano di ristrutturazione dovesse fallire, allora il giudice potrebbe ordinare la liquidazione completa dell'azienda.

Nel caso dovesse andare così, questo comunque non sarebbe il primo fallimento per Henrik Fisker; la sua precedente azienda, Fisker Automotive, fondata nel 2007 e nota per la Karma, ha dichiarato bancarotta nel 2014 ed è stata successivamente acquisita dal gruppo cinese Wanxiang. Resta da vedere se quest'ultimo interverrà anche in questa situazione…






in evidenza
Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni

Le due star vogliono diventare solisti

Maneskin, Damiano e Victoria stufi. La band si scioglie? Le indiscrezioni


motori
La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

La Nuova MINI Cooper S 5 porte: spazio e divertimento alla guida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.