A- A+
Economia
Gdo, Il Ceo di VéGé Santambrogio ad Affari: "In futuro resteranno 5 gruppi"

Il Ceo del Gruppo VéGé Giorgio Santambrogio spiega cosa sta accadendo nel settore dei supermercati

Birra +10%, caffè 12%, formaggi +18%, zucchero +10%, latte +14% (e il nuovo accordo con i produttori non conta niente), olio extra vergine di oliva +22%, legumi 25%, olio di semi +25%, pasta +30%, marmellate e creme spalmabili +15%, carta igienica +14%, surgelati +15%, tonno +20% e i succhi +23%. Non è la lista della spesa, ma l’incremento medio dei prezzi che l’industria alimentare chiede alla grande distribuzione organizzata.

Se a questo ci si aggiunge anche l’impennata dei costi delle utilities, dei bancali, dei trasporti e delle materie prime si ottiene la tempesta perfetta che sta iniziando solo ora a mostrare le sue prime avvisaglie. Ne è convinto anche Giorgio Santambrogio, amministratore delegato del Gruppo VéGé che ad Affaritaliani.it spiega la sua visione di un mercato che è sempre più competitivo e complesso con margini che si riducono e la necessità di far quadrare i conti.

La strategia di Carrefour Italia: ecco perché si è scelto il franchising

"La strategia dell’amministratore delegato di Carrefour Italia Cristophe Rabatel – ci spiega – è molto chiara e non è vero che punta a smantellare. È un azzardo, che bisognerà vedere se paga. Il manager si è reso conto che gli imprenditori italiani hanno maggiore polso del mercato e per questo sta delegando o a livello di master franchising come nel caso di Apulia di Antonio Sgaramella, che infatti sta andando molto bene, o cercando di affidare la gestione dei punti vendita agli imprenditori italiani con il franchising puro".

Troppo cocente la “scoppola” presa da Auchan per potersi permettere di replicare questo errore. L’idea di fondo è che non può arrivare dalla Francia la definizione dell’assortimento, dei formaggi o dei vini, perché i gusti italiani sono diversi e si rischia lo scivolone. "È un atto di umiltà – chiosa Santambrogio – che non sempre si vede nel nostro comparto. I sindacati però vedono in maniera negativa questa strategia e sostengono che ci saranno moltissimi licenziamenti. Ma i 106 punti vendita non saranno smantellati, ma gestiti in modo diverso. È una sorta di tentativo estremo per risanare i conti".

Gdo, in futuro ci saranno cinque grandi entità

C’è di più, però: il mondo della grande distribuzione organizzata, a causa della riduzione dei margini, continuerà un procedimento di concentrazione del mercato retail. Esclusi i discount, che hanno una strategia diversa nel rapporto con i fornitori e con la clientela, è plausibile che in futuro ci saranno cinque grandi entità: Conad (con Finiper), Coop, Esselunga, ESD (con capofila Selex) e Aicube 4.0 (con in testa il gruppo VéGé).

(Segue...)

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    gdogruppo vegè
    i più visti
    in evidenza
    Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

    Le foto delle vip

    Ferragni spettacolare a Parigi
    Calze a rete e niente slip


    casa, immobiliare
    motori
    Renault svela gli interni della nuova Austral

    Renault svela gli interni della nuova Austral

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.