A- A+
Economia

I perquisiti sono stati già 200, secondo quanto anticipa il Corriere della Sera, ma le operazioni potrebbero durare per tutto l'anno. Già, perché nel cd acquistato in Svizzera, per la 'modica' cifra di 4 milioni di euro, ci sono i dati bancari di alcune migliaia di cittadini tedeschi, possibili evasori. E il governo della Renania-Palatinato ha stimato di poter recuperare ben 500 milioni di euro.

Una somma ben al di sopra di quanto speso per ottenere i dati, dei quali resta top secret la provenienza.

Se duenque le banche coninvolte resteranno nell'anonimato, non sarà così per i loro clienti tedeschi, visto che da un primo esame sono già stati definiti 'sospetti' 4mila casi. Non solo: la grande eco che la vicenda sta avendo sulla stampa tedesca fa sperare le autorità regionali che siano in molti ad auto-denunciarsi nella speranza di una diminuzione della sanzione.

La Renania-Palatinato non è il primo Land a compiere un'operazione del genere: oltre un anno fa la Nord Renania-Vestfalia ha speso quattro milioni di euro per un cd con i dettagli dei conti della Hsbc in Lussemburgo.

Berlino ha provato a bloccare le iniziative regionali anti-evasione cercando un accordo fiscale con la Svizzera, ma l'operazione è stata bocciata dal Bundesrat.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
svizzeraevasionebancheevasorigermania
i più visti
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


casa, immobiliare
motori
Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.