A- A+
Economia
Grecia, Tsipras: verso un accordo lunedì

Il vertice straordinario in programma lunedì sulla Grecia "è uno sviluppo positivo nel percorso verso l'accordo". Lo ha detto il premier greco Alexis Tsipras in un comunicato, secondo quanto riporta Bloomberg. "Ci sarà una soluzione nel quadro delle regole Ue e della democrazia, che permetterà alla Grecia di tornare alla  crescita", ha detto. Dopo l'ennesima fumata nera che si è levata ieri sera dall'Eurogruppo, il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, ha rotto gli indugi e deciso di mettere intorno a un tavolo - lunedì prossimo - i capi di governo, convinto che "sia giunto il momento di affrontare urgentemente la crisi greca al più alto livello politico". Per il ministro italiano Pier Carlo Padoan è un fatto positivo: il fatto stesso che sia stato convocato un vertice dell'Eurozona per lunedì è la prova "che ci sono margini per un'intesa".
 
Ancora Tsipras ha aggiunto: "Tutti quelli che hanno scommesso sulla crisi e su uno scenario di terrore dovranno riconoscersi in errore. Ci sarà una soluzione basata sul rispetto delle regole Ue della democrazia che consentirà alla Grecia di tornare a crescere". Il leader greco, ha scandito al quotidiano austriaco Kurier che "l'uscita della Grecia dall'euro sarebbe l'inizio della fine dell'Eurozona". Intanto gioca sul tavolo di Vladimir Putin, al quale Tsipras fa visita nel giorno in cui Atene ufficializza un accordo con la Russia per la realizzazione di un gasdotto. L'intesa prevede il passaggio del Turkish Stream sul territorio ellenico: la firma di San Pietroburgo prevede che Mosca fornisca ad Atene un prestito pari al 100% dell'importo del gasdotto, con Gazprom che non controllerà la tratta.
 
Le parole di Tsipras restano in bilico tra la conciliazione e la minaccia, dopo le accuse verso i partner del suo ministro delle Finanze, Yanis Varoufakis, che dopo l'Eurogruppo ha rimarcato come il presidente Jeroen Dijsselbloem sbagli a focalizzarsi solo sulle mancanze elleniche, invece che pensare agli errori dei creditori.
 
La notizia di un summit straordinario, riporta Radiocor, è stata accolta con un certo stupore nel giro dei ministri finanziari; la mossa di Tusk ha di fatto obbligato Dijsselbloem ad anticipare una nuova riunione dell'Eurogruppo, che si terrà lunedì prima del summit dei leader di governo. Si tratta di una 'tattica' negoziale che ha sempre caratterizzato Tsipras, quella di spostare dal piano tecnico a quello politico il dialogo con i creditori, indigesta proprio ai minisri finanziari e al Brussels Group. Non a caso, il ministro dell'economia francese Michel Sapin, entrando all'Eurogruppo, ha precisato: "Abbiamo affidato a Bce, Fmi e Commissione Ue il lavoro tecnico di discussioni su un piano globale e credibile che comprende l'aspetto di bilancio, delle riforme, e il finanziamento del Paese", spiegando che prima di lunedì "tutti questi aspetti saranno discussi tecnicamente per consentire ai ministri di prendere poi la decisione globale".
 
Dalla Germania, il capo dello staff di Angela Merkel rimarca intanto che Berlino intende negoziare con Atene "fino all'ultimo minuto". Il portavoce Steffen Seibert aggiunge: "Ci dispiace che ieri non ci sia stato un passo avanti, ma non è troppo tardi e speriamo in un accordo". La base di partenza per arrivare all'accordo, spiegano ancora da Berlino, è un piano di riforme. Se Tsipras aprisse su pensioni e aumento dell'Iva, di contro i creditori potrebbero ammettere un'ipotesi di alleggerimento del debito. Il principio resta "solidarietà in cambio di responsabilità". Anche il presidente francese, Francois Hollande, invita a "fare di tutto per trovare un compromesso".
 
E mentre si teme per la fuga dei capitali dalle banche elleniche, visto che tra lunedì e mercoledì i prelievi sui conti da parte dei cittadini ellenici sono assommati a quasi due miliardi di euro, la Banca centrale europea riunisce di emergenza il Consiglio direttivo per discutere la situazione di deterioramento della liquidità degli istituti greci. Bloomberg, citando fonti vicine al dossier, dettaglia che il board dovrebbe esaminare la richiesta da parte della Banca di Grecia di aumentare la liquidità di emergenza (Ela) di oltre 3 miliardi.

Tags:
greciaue
i più visti
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.