A- A+
Economia
Il capo del procurement dell'ex-Ilva ha una società di trading di metalli
Acciaierie Arvedi

Il capo del procurement di Acciaierie d’Italia è titolare e amministratore unico di una società di trading di metalli

La domanda è semplice, ma dalla risposta evidentemente complessa: è giusto che un’azienda partecipata da Invitalia (e quindi dallo Stato) abbia in un ruolo apicale un potenziale conflitto d’interesse? Brevemente la vicenda. Nell’ottobre del 2021 viene nominato come Direttore Noleggi e Acquisti Materie Prime – cioè quello che in gergo si chiama procurementNicola Pozza, manager italiano residente in Svizzera. Che c’è di strano?

Nulla. Pozza vanta una lunga esperienza nel settore. Dal suo profilo LinkedIn, infatti, si legge che per oltre 10 anni è stato Senior trader in Bulk Trading SA, dove si è occupato della compravendita di carbone. Il problema però nasce quando si scopre che tra le varie attività di Pozza (detiene diverse società in Svizzera) c’è anche quello di essere titolare e amministratore unico, dal 2020, di Nima AG. Si tratta di una società anonima iscritta dal 4 dicembre 2013 nell’Ufficio del registro di commercio del Cantone Ticino.

CLICCA QUI PER LEGGERE IL DOCUMENTO DELL'UFFICIO DEL REGISTRO DI COMMERCIO DEL CANTONE TICINO

PAGINA 1

PAGINA 2

Di che cosa si occupa Nima? Qui la cosa si fa più interessante: nella visura che Affaritaliani.it ha potuto acquisire si legge che lo scopo dell’azienda è “il commercio di prodotti di acciaio e di ogni altro prodotto siderurgico così pure di materie prime e in particolare quelle relative al ciclo siderurgico quali carbone, antracite, coke, minerale di ferro, rottami, direct reduced iron (DRI), ferroleghe, iron ore, iron sand, mill scale, macchinari e impianti per l’industria siderurgica”. Ovvero tutti prodotti necessari per far funzionare gli altoforni, tra cui appunto quelli di Acciaierie d’Italia.

E qui torniamo alla domanda iniziale: davvero era necessario rivolgersi a una persona sicuramente competente, ma che ha una società che si occupa del commercio di prodotti di acciaio? Davvero Nicola Pozza era l’unico candidato accettabile e appetibile? Perché in dodici mesi nessuno si è peritato di chiedere al manager che, almeno, lasciasse la carica di amministratore unico di Nima AG per evitare possibili conflitti d’interesse?

Ricordiamo, infine, che Acciaierie d’Italia, cioè la nuova denominazione dell’Ilva, ha il capitale sociale sottoscritto al 62% da ArcelorMittal e al 38% dall’Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa S.p.A. – Invitalia e può contare su otto siti produttivi in Italia, con il principale di essi che si trova a Taranto. Affaritaliani.it ha provato a mettersi in contatto con Pozza e con Acciaierie d’Italia per un commento sulla vicenda ma, al momento, non ha ricevuto alcuna risposta.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
acciaierie d'italiametallinicola pozzaprocurementtrading





in evidenza
Affari in Rete

MediaTech

Affari in Rete


motori
Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Mercedes-Benz, Nuovo G 580 EQ la svolta elettrica nel fuoristrada

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.