A- A+
Economia
La scelta antistorica del forum Ambrosetti: esclude le testate online

Il Forum Ambrosetti di Cernobbio vieta l'ingresso alle testate online

“Dunque ci vediamo a Cernobbio?”. “Ci sei anche tu al Forum?”. “Me lo fai incontrare il tuo capo a Villa d’Este?”. Queste, fino a pochi anni fa, erano le frasi che ci si scambiava tra giornalisti economici e comunicatori mentre ci si facevano i tradizionali auguri di buone vacanze estive. Il Forum Ambrosetti a Cernobbio, infatti, sanciva il ritorno alla vita lavorativa “vera” dopo il sonnacchioso periodo di ferie interrotto esclusivamente dal Meeting di Rimini. Da quest'anno, però, il Forum ha deciso di darsi un tono e di escludere aprioristicamente alcune testate. Quali? Quelle online, che rappresentano ormai il pubblico più ampio e più strutturato del mondo dell’informazione in Italia. Basta leggere gli ultimi dati Ads sulla diffusione dei giornali, con La Repubblica scesa intorno a 80mila copie e il Corriere sotto le 150mila, per capire che la carta stampata da sola ormai boccheggia e ha bisogno di appoggiarsi su internet. E allora perché vietare l’ingresso a Villa d’Este a tutti i giornali online? Perché privare i lettori e gli stakeholder della voce di chi – come Affaritaliani – da più di un quarto di secolo racconta senza vincoli la realtà italiana? 

Audiweb testimonia che gli utenti unici nel giorno medio sono 37,3 milioni, cioè il 63,3% della popolazione italiana. Sommando i primi dieci cartacei più diffusi si arriva a circa 650.000 lettori. Non serve dire altro, dunque, perché non si capisce quale possa essere la ratio dietro a una scelta così divisiva e, per certi versi, inutilmente elitista. Solo la carta stampata ha valore? È quell’orrendo snobismo di chi pensa che internet sia solo un luogo per smanettoni e giovanotti. Peccato che i giovani siano cresciuti e che i giornali affondino. Sarebbe stato meglio se la scelta fosse stata selettiva: tu sì, tu no. Arbitraria, certo. Ma almeno comprensibile: non vogliamo testate che abbiano questo tono di voce. Invece un taglio trasversale, netto, salomonico e per questo assai ottuso. Attenzione, però, perché tutti i rituali, anche i più solidi e inveterati, vivono un momento di stanca. È successo a Sanremo prima della terapia d'urto del trio Amadeus-Maneskin-Fiorello. E in effetti, l'impressione è che il Meeting di Rimini abbia ormai superato di parecchie incollature, per importanza e "agenda setting" Cernobbio. E altri appuntamenti, come La Piazza di Ceglie Messapica, insidiano (o superano?) il Forum Ambrosetti. Di più: all’ombra delle varie torri dove il potere economico milanese si dipana, più di un comunicatore ha iniziato a dire sottovoce: “Cernobbio? Spero di scamparla almeno quest’anno”. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cernobbio




    
    in evidenza
    Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

    Europee/ L'idea di Lancini

    Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
    C'è la casella Stop utero in affitto


    motori
    Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

    Mercedes-Benz Vans e ONOMOTION lanciano la e-cargo per l’ultimo miglio

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.