A- A+
Economia
Interpump, rally in Borsa. Il mercato vede un altro M&A

Spicca il volo subito dopo il suono della campanella di Borsa il titolo Interpump all'indomani dell'annuncio dell'accordo vincolante per l'acquisizione dal gruppo Danfoss della business unit White Drive Motors&Steering per 270 milioni di euro. Un'operazione il cui closing è previsto nel quarto trimestre 2021, e il cui corrispettivo farà riferimento a un enterprise value di 230 milioni di euro, più una quota (attualmente stimata in 40 milioni di euro) variabile in funzione dell'ebitda al closing pro-formato all'intero 2021. A metà mattinata il gruppo emiliano fondato da Fulvio Montipò guadagna quasi il 7,3% a 50,35 euro per azioni.

a03e01d0 0ead 4280 b293 0204b546f7e8
 

L'acquisizione non piace soltanto a Piazza Affari, ma anche agli analisti finanziari. La unit, segnalano gli esperti di Equita Sim, è stata costituita e messa in vendita da Danfoss per soddisfare le richieste dell'Antitrust europeo che aveva rilevato un rischio competitivo dall`acquisizione da parte di Danfoss di Eaton Hydraulics nel settore dei motori orbitali, delle unità di steering e delle valvole di steering.

Interpump ha acquisito l'intero perimetro degli asset messi in vendita, che è atteso generare circa 200 milioni di ricavi e 45 milioni di Ebitda nel 2021 (con una redditività del 22,5% comparabile con quella di IP Hydraulics). Il perimetro comprende tre stabilimenti (Usa, Germania e Polonia), tre linee di produzione negli Usa (da spostare dallo stabilimento di Eaton) e uno in Cina.

I prodotti sono complementari al portafoglio attuale di Interpump, in particolare con Walvoil. Secondo gli analisti si tratta di un deal di dimensioni significative, ma pagato a multipli molto attraenti nonostante la buona redditività dell`asset, probabilmente perchè Interpump garantiva rapidità di negoziazione e di esecuzione del deal.

Post deal, prosegue Equita, il leverage dell'azienda rimane molto contenuto offrendo spazio per ulteriore M&A. La buona profittabilità di partenza offre invece probabilmente meno spazio di efficienze. Ipotizzando un livello di D&A simile a Interpump e un costo del debito prudenziale (1%) Equita stima preliminarmente un contributo all`Ebitda 2022 del 12% e dell`utile per azione superiore al 10%.

Banca Akros dal canto suo conferma rating accumulate e alza il target price a 52,6 euro da 47,6, confermando a accumulate il rating di Interpump. Gli esperti credono che l'acquisizione sia molto importante e altamente sinergica con le altre aziende della divisione Idraulica di Interpump sia dal punto di vista industriale e sia da quello commerciale. 

Commenti
    Tags:
    interpumpfulvio montipò interpump
    S
    i più visti
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

    Peugeot 308 cambia faccia con la nuova sw

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.