A- A+
Economia
L'affondo di Squinzi fa infuriare la Camusso

Ad accendere il dibattito sono le parole pronunciate da Giorgio Squinzi dal palco della festa dell’Unità di Milano. Per il presidente degli industriali il sindacato in Italia ha rappresentato “fattore di ritardo”. Il sindacato in Italia “mediamente è un fattore di ritardo, ha fatto tardare tanto il progresso e l’efficienza complessiva del Paese” ha detto, nel corso di un colloquio con il ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio. L’affondo è partito dopo una domanda sulla richiesta di lavoro a Ferragosto all’Electrolux: “Un sindacato moderno deve avere la capacità di rispondere in maniera corretta per non perdere opportunità di lavoro”, ha sostenuto Squinzi. “Con questo sindacato abbiamo cercato di tenere aperto il dialogo” ha proseguito, sottolineando la “fatica enorme” con cui si è arrivati a firmare l’accordo sulla rappresen tanza. “In un’epoca in cui le cose si muovono a velocità supersonica, il fatto che in Italia ci voglia un anno e mezzo per scrivere l’accordo sulla rappresentanza, che è poi un fattore di democrazia, non è il modo in cui bisogna fare le cose”.

Pronta la replica dei diretti interessati. Squinzi usa “luoghi comuni” attacca il segretario generale della Cgil Susanna Camusso, e “non riuscendo ad affrontare i problemi del Paese trova su chi scaricarli, e cioè sul lavoro, e gode di una condizione che è quella per cui si dà per scontato che il mondo delle imprese abbia fatto sempre tutto bene e che le colpe stiano altrove”.

E rilancia: di fronte al “crollo” degli investimenti, la mancanza di innovazione e l’assenza di rischio delle imprese Squinzi dovrebbe chiedersi se “non siano anzi questi gli elementi che stanno facendo arretrare il Paese”. A ruota arriva il tweet del s egretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, che prova a gettare acqua sul fuoco: “Caro Squinzi non è momento delle polemiche o divisioni. La Cisl è pronta a cambiare le regole contrattuali e a favorire gli investimenti”. Più puntiglioso il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo: “Le accuse generiche ai sindacati senza parlare del merito lasciano il tempo che trovano. Fattori di ritardo per il Paese sono le imprese che non investono in ricerca, innovazione, processi e prodotti”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
squinzicgilimpresecamussoconfindustria
i più visti
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.