A- A+
Economia
Leo rassicura la maggioranza: "Il redditometro non esiste più"
Fisco, arriva la tassa sulle multinazionali: prelievo minimo al 15 per cento sui ricavi in Italia, pronto il decreto (foto Lapresse, il viceministro Maurizio Leo)

Leo: "Il redditometro non esiste, il provvedimento sarà migliorato"

Relativamente all'emendamento presentato in Senato dal presidente dei senatori di Forza Italia, Maurizio Gasparri, Leo precisa che "in realtà già lo scorso mese abbiamo ampiamente chiarito che il cosiddetto 'redditometro' non esiste più".

Come riportato dall'Ansa, al suo posto è stato introdotto il nuovo accertamento sintetico 2.0, uno strumento che andrà a contrastare i grandi evasori in maniera 'chirurgica'". Lo afferma in una nota il viceministro dell'Economia Maurizio Leo: "come già concordato con il presidente Meloni e le forze di maggioranza il provvedimento sarà migliorato in sede d'esame parlamentare del decreto correttivo con il contributo di tutti".

LEGGI ANCHE: Redditometro, slitta lo stop (ma ci sarà). Accantonate le misure pro-balneari

"Il Consiglio dei ministri ha approvato oggi il primo decreto correttivo che introduce ulteriori modifiche all'adempimento collaborativo, intervenendo anche sul concordato preventivo biennale e rivedendo il calendario degli adempimenti fiscali (dichiarazioni e versamenti), con l'obiettivo di migliorare ulteriormente il rapporto di fiducia tra amministrazione finanziaria e contribuente". Così Maurizio Leo, viceministro dell'Economia, al termine del Cdm. Leo spiega che non ci saranno "sanzioni per le imprese che ammettono, in via preliminare, eventuali violazioni con il fisco. Resta inteso che, nei casi di frode, non ci sarà nessuno sconto sulle somme dovute allo Stato". 






in evidenza
"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto

L'artista accusato di revenge porn

"Vi racconto tutta la verità...". Angelica Schiatti, Morgan esce allo scoperto


motori
Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Renault Rafale: l'auto ufficiale della presidenza della Repubblica Francese

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.