A- A+
Economia
Manovra, Tria a caccia di 10 miliardi. Così risolve il rebus M5S-Lega

La stagione delle manovre finanziarie si avvicina in tutta Europa: entro il 15 ottobre i budget di bilancio nazionali dovranno essere inviati alla Commissione Ue che entro novembre formulerà le sue osservazioni e l’Italia resta sotto riflettori, complice un debito pubblico di oltre 2.300 miliardi (poco meno del 132% del Pil a fine 2017 e visto entro il 130% a fine 2019). 

Sia ben chiaro: la Repubblica Italiana è in buona compagnia quest’anno, con la Spagna del premier socialista Sanchez che ha già fatto sapere a Bruxelles che il deficit/Pil non calerà al 2,2% come promesso dall’ex premier Mariano Rajoy (Sanchez punta ad un più “morbido” 2,7%) e la Francia di Emmanuel Macron, sempre più in crisi di popolarità, che potrebbe dover rallentare il passo delle riforme.

Ad ogni modo il governo Lega-M5S ha capito che tirare troppo la corda non conviene a nessuno: se Matteo Salvini annuncia che l’obiettivo è “mantenere il rispetto dei vincoli e delle regole esterne imposte, di non sforare alcunchè”, Luigi Di Maio gli fa eco e a chi gli chiede se si riuscirà a tenere i conti in ordine risponde: “sì e vedrete che la legge di bilancio rassicurerà i mercati”. 

Del resto rimanere entro i limiti significa non superare il 3% di deficit/Pil e dato che si parte dal 2,3% dello scorso anno e che ogni punto di Pil vale oltre 17 miliardi, salire al 2,8%-2,9% (anche se il ministro dell’Economia e finanze, Giovanni Tria, vorrebbe puntare al 2%) garantirebbe un “tesoretto” di 9-10 miliardi, ossia poco meno dei 12,4 miliardi di euro necessari a evitare l’aumento dell’Iva dal prossimo anno. 

La manovra potrebbe costare in tutto sui 13-15 miliardi di euro (oltre ai 12,5 miliardi per evitare l’aumento dell’Iva), circa il doppio dei 6-7 miliardi di maggiori risorse prevedibili, che però andranno sommate al maggior “margine di manovra” che si cercherà di ottenere da Bruxelles. Alla fine resterebbe uno sbilancio di 10-12 miliardi: per non aumentare l’Iva a qualcosa Lega e M5S dovranno dunque rinunciare, ma a cosa?

Per la Lega la priorità è la riforma della legge Fornero, con “quota 100” per tutti, la riduzione del cuneo fiscale sulle imprese e il varo della flat tax a partire dalle famiglie o dalle partite Iva. M5S parla di reddito di cittadinanza, ma anche di riforma delle pensioni e sgravi alle imprese. Il tutto, viene sottolineato tanto da Salvini quanto da Di Maio, avendo come riferimento il triennio di riferimento del Def come orizzonte temporale per fare entrare le nuove norme in vigore, quindi spalmandone i relativi costi sullo stesso arco di tempo.

Il governo potrebbe così puntare sulla riforma previdenziale, che per Salvini costerebbe tra i 6 e gli 8 miliardi e che peraltro dovrebbe secondo vari analisti portare ad un taglio di circa il 10% degli assegni pensionistici, per effetto del ricalcolo contributivo del periodo 1996-2011 (con penalizzazioni via via più pesanti per chi avrà avuto carriere brevi e/o discontinue). Vi sarebbero poi sgravi alle imprese, quanto meno sotto forma di un’estensione dell’accesso al regime forfettario alle partite Iva entro i 100 mila euro di fatturato (limite unico che non varierebbe, come oggi, in base alla tipologia di attività esercitata), estensione che costerebbe attorno ai 3,3 miliardi di euro l’anno. 

Per coprire i 9-11 miliardi di maggiori spese si punterrà su una “spending review” che piace a entrambi i partiti e da cui i pentastellati puntano a reperire sino a 30 miliardi di euro annui a regime (ma che difficilmente garantirebbe più di un miliardo già l’anno prossimo) e alla revisione di deduzioni e detrazioni fiscali che in tutto valgono quasi 40 miliardi di euro l’anno (solo il “bonus 80 euro” vale quasi 9 miliardi l’anno). Deduzioni e detrazioni che resterebbero comunque sino all’entrata in vigore della flat tax duale (al 15% e al 20%, contro il 24% oggi previsto da Ires e Iri, oltre ad una possibile aliquota “superscontata” del 5% per startup e giovani under 35enni), destinata a regime a costare sui 50 miliardi l’anno in più e per la quale verrebbe data priorità alle piccole imprese o alle famiglie. 

Oltre a queste prime misure sia Lega sia M5S sono poi d’accordo nell’accellerare investimenti pubblici facendo leva su risorse già stanziate ma ancora non spese, come i 7 miliardi per l’edilizia scolastica e gli interventi a favore dei Comuni non ancora avviti perché ancora privi di progetti, e nel confermare gli incentivi all’innovazione nelle imprese previste dal piano nazionale Industria4.0. 

Infine potrebbero arrivare anche misure “qualitative” per ridurre la burocrazia che grava su imprese e partite Iva, un provvedimento per chiudere le liti pendenti con Equitalia e più in generale assicurare una “pace fiscale” (ossia un condono, da cui potrebbero arrivare 3-3,5 miliardi di euro), l’estensione del reddito di inclusione (Rei) a tutti i cinque milioni di poveri “assoluti” in Italia, per il quale servono 6,2 miliardi l’anno (che si sommerebbero agli 1,8 miliardi già previsti). 

Le riforme di Lega e M5S sembrano dunque meno da “libro dei sogni” di quanto non apparissero fino a pochi giorni fa, ma pur sempre grandemente dipendenti dal perdurare di una congiuntura economica favorevole, dalla capacità di trovare un sostegno da Bruxelles e dall’abilità di calibrare nel tempo l’entrata in vigore dei diversi provvedimenti.

Luca Spoldi

Commenti
    Tags:
    legge di stabilitàmanovra finanziarialuigi di maiom5slegamatteo salvini
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    L'ironia del web colpisce ancora Stavolta nel mirino c'è Di Maio

    Costume

    L'ironia del web colpisce ancora
    Stavolta nel mirino c'è Di Maio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford Mustang Mach-E GT, mostra il vero potenziale di un propulsore elettrico

    Ford Mustang Mach-E GT, mostra il vero potenziale di un propulsore elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.