A- A+
Economia
Orcel nel mirino della Bce: Lagarde boccia i super stipendi. Il caso

Bce, tra i soci contrari ci sono stati anche la Bank of Corea, la Bank of Japan e la Saudi Central Bank

Alla Bce di Christine Lagarde e a molti altri banchieri centrali non piacciono i super stipendi dei banchieri italiani. Infatti come già avvenuto lo scorso 28 ottobre durante l’assemblea dei soci di Mediobanca a proposito delle remunerazioni future previste per l’amministratore delegato Alberto Nagel, così l’Eurotower ha bocciato anche il super stipendio di 9,75 milioni di euro che da quest’anno incasserà Andrea Orcel, amministratore delegato di Unicredit.

Lo si scopre leggendo il verbale dell’assemblea degli azionisti di Piazza Gae Aulenti svoltasi lo scorso 31 marzo nella quale il 70% circa del capitale ha votato a favore della “Relazione sulla politica di2023 di gruppo in materia di remunerazione”.

Tra i soci contrari, rappresentanti quindi circa il 30% del capitale (solo lo 0,8% infatti s’è astenuto) c’è stata appunto la Bce con quasi 200mila azioni, ma anche la Bank of Korea con oltre 250mila titoli ha espresso contrarietà così diversi prodotti legati alla Bank of Japan, la Saudi Central Bank (154mila azioni) e la People’s Bank of China (1,4 milioni di azioni). Gli stessi soggetti hanno bocciato anche il “Sistema incentivante di gruppo 2023”.

All’assemblea di Mediobanca a proposito della “Politica di remunerazione ed incentivazione del Gruppo Mediobanca 2022-2023”, pur approvata dai soci (e promossa da 4 proxy advisor), la Bce votò contro con circa 53mila azioni, così come la People’s Bank of China.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bcelagarde





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.