Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
ANBI: inaugurato l'invaso di Valleantica a San Gemini

ANBI e Consorzio di bonifica Tevere Nera: aperto l'invaso di Valleantica a San Gemini

Il tema della gestione sostenibile delle risorse idriche e dell'adattamento ai cambiamenti climatici è diventato sempre più centrale nel dibattito pubblico e politico italiano. In questo contesto, la recente inaugurazione dell’invaso di Valleantica a San Gemini rappresenta un esempio concreto di come le istituzioni e le comunità locali possano lavorare insieme per affrontare le sfide ambientali e sostenere le economie agricole del territorio.

In Germania il Reno non è mai un torrente, in Italia il Po lo è sempre di più”: con questa efficace immagine, Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI (Associazione Nazionale dei Consorzi di Gestione e Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue), ha ribadito i pericoli di una pedissequa applicazione delle normative ambientali comunitarie in tutta l’Unione Europea, senza adattarle alle diverse realtà territoriali, iniziando dal Deflusso Ecologico fluviale. “Il rischio,” prosegue Gargano, “è lo sconquasso di secolari ecosistemi e delle economie agricole locali”.

Il reiterato grido d’allarme è arrivato da San Gemini, alle porte di Terni, dove il Consorzio di bonifica Tevere Nera ha inaugurato l’invaso di Valleantica di fronte ai massimi rappresentanti delle istituzioni e della società civile umbri. La vasca, che rifà e amplia un preesistente manufatto, ha aumentato la capacità da 2.800 a 5.500 metri cubi, prelevando acqua dal fiume Nera con una massima derivazione consentita di 250 litri al secondo, mettendola a disposizione di un comprensorio irriguo di circa 200 ettari attrezzati con contatori elettronici e telecontrollo da remoto. Presente anche il Segretario Generale dell’Autorità di bacino distrettuale dell’Appennino Centrale, Marco Casini, è stato rivolto un ringraziamento al Ministero di Agricoltura Sovranità Alimentare e Foreste, che ha finanziato l’opera, costata complessivamente oltre un milione di euro.

Si tratta di un’opera pubblica, che dimostra ciò che i Consorzi di bonifica fanno tutti i giorni: contrastare le conseguenze della crisi climatica con costanti interventi concreti come lo stoccaggio dell’acqua a servizio del territorio”, ha sottolineato la Direttrice del Consorzio di bonifica Tevere Nera, Carla Pagliari.

In attesa di planetarie soluzioni di mitigazione, dobbiamo agire sull’adattamento all’estremizzazione degli eventi atmosferici, aumentando la capacità di resilienza delle comunità locali. Se l’84% del made in Italy agroalimentare deriva da terreni irrigui, solo il 30% delle campagne italiane è servito da un’irrigazione strutturata”, ha aggiunto il Presidente dell’ente consorziale, Massimo Manni, annunciando la realizzazione di nuovi bacini anche in altre zone del comprensorio (Orvieto, Viepri, Lugnano in Teverina). Donatella Tesei, Presidente di Regione Umbria, ha affermato: “Cambiamenti climatici e futuro dell’agricoltura sono temi di grande attualità; per questo servono opere indispensabili come gli invasi e la Regione lavora per nuovi investimenti, grazie a un rodato lavoro di squadra”.

Sono tre i concetti-chiave del nostro impegno”, ha concluso il Direttore Generale di ANBI, Massimo Gargano. “Il primo è la visione, che chiediamo anche alla politica: la proposta di Piano Invasi, con 10.000 bacini multifunzionali da realizzare entro il 2030, va in questa direzione. Il secondo è il modello di sviluppo del sistema Paese, che deve avere al centro il territorio e le sue comunità con ambiente, agricoltura, bellezze ed eccellenze. Infine, c’è la qualità della spesa: i Consorzi di bonifica ed irrigazione sono stati riconosciuti coerenti al 100% con i cronoprogrammi del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza; non solo: il 46% dei progetti ritenuti finanziabili dal M.I.T. (Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti) con il Piano Nazionale di Interventi Infrastrutturali e per la Sicurezza del Settore Idrico è redatto da enti consorziali e possiamo affermare che, entro giugno 2025, saremo in grado di risparmiare un miliardo di metri cubi d’acqua, grazie a nuove opere, ma soprattutto all’efficientamento delle reti esistenti”.





Gli Scatti d’Affari

SBAM, Cellini e Biova Project lanciano la birra prodotta dagli scarti di caffè

Gli Scatti d’Affari

Assodigit: volge al termine l’evento dedicato all'innovazione e al networking

Gli Scatti d’Affari

Fastweb presenta NeXXt AI Factory: il primo supercomputer NVIDIA DGX SuperPOD

Gli Scatti d’Affari

Premio Navarro-Valls assegnato a Lina Tombolato Doris e Nicolò Govoni

Gli Scatti d’Affari

Stati Generali dell'AI: Regione Lombardia pronta a stanziare 100 milioni

Gli Scatti d’Affari

Comune di Noci: il progetto “Io sono Pietra” per valorizzare il territorio

Gli Scatti d’Affari

Scalapay: aperto il nuovo headquarter a Milano

Gli Scatti d’Affari

Iren Smart Solutions: inaugurata la CER Emilia Ovest con LegaCoop

Gli Scatti d’Affari

ANBI: volge al termine l’edizione 2024 dell’Assemblea Nazionale

Gli Scatti d’Affari

Vueling: i traguardi raggiunti a 20 anni dal volo inaugurale

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


motori
Fiat 500e Giorgio Armani: l’icona del Made in Italy

Fiat 500e Giorgio Armani: l’icona del Made in Italy

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.