A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Banca Ifis, Market Watch PMI: il 38% delle imprese investe in sostenibilità

Market Watch PMI: il 38% delle imprese già investe in sostenibilità come leva strategica per il benessere delle comunità e dei lavoratori

Le piccole e medie imprese italiane credono e puntano sulla sostenibilità anche come strategia di posizionamento competitivo e reputazionale. Secondo l’osservatorio Market Watch PMI di Banca Ifis, l’osservatorio di analisi e ricerca della banca dell’ecosistema delle imprese italiane e delle filiere del made in Italy, il 67% delle imprese valuta importante l’essere sostenibile, con punte dell’82% degli intervistati nel settore della chimica-farmaceutica e del 75% nella meccanica.

Il 38% delle PMI italiane ha già avviato investimenti, ma l’evoluzione green è solo all’inizio e si intensificherà nel prossimo biennio coinvolgendo almeno il 78% delle PMI. La loro azione, anche prospettica, è e sarà fondamentale: secondo il report “SMEs: Key Drivers of Green and Inclusive Growth”, pubblicato dall’Ocse nel 2018, le piccole e medie imprese contribuiscono a una quota compresa tra il 60% e il 70% di tutte le emissioni climalteranti di fonte industriale in Europa.

L’indagine Market Watch PMI, realizzata tra maggio e giugno in collaborazione con Format Research su un campione rappresentativo di oltre cinquecento imprese italiane, conferma come per ben il 74% degli intervistati la sostenibilità sia una responsabilità che l’impresa ha nei confronti del territorio e della comunità.

Sul fronte ESG, le piccole medie imprese della chimica-farmaceutica e dell’agroalimentare hanno fatto uno scatto in avanti. A fronte di una media del 38% di aziende che investono, i due settori sono rispettivamente al 56% e al 50%. C’è poi un’avanguardia di imprese, circa il 6%, che sta riprogettando la produzione con i principi e le metodologie della circular economy, in particolare nei settori del tessile-moda e della tecnologia.

Le iniziative di sostenibilità ambientale più diffuse sono: il risparmio energetico che è al primo posto con l’82% in aumento di un +13% il prossimo anno, segue la gestione del ciclo dei rifiuti (78% del campione quanto a investimenti), la riduzione dell’uso di agenti chimici inquinanti (68% con un +10% quanto a propensione a investire nel prossimo anno), quindi l’uso di materiali riciclabili e di risorse rinnovabili (64% e 54%, rispettivamente). La centralità della sostenibilità è confermata dall’intensità delle azioni messe in campo: il 69% delle PMI ha avviato almeno due iniziative o azioni green.

Ma quali sono i motivi principali che hanno spinto le PMI a investire in sostenibilità? Per il 45% gli obiettivi sono: tutelare e rispettare il territorio, tutelare il futuro e il benessere della comunità. Per il 32% la ragione è l’attenzione al benessere dei lavoratori nella produzione, per il 27% il risparmio delle risorse e per un’impresa su quattro l’incremento della competitività (25%).

L’attenzione coinvolge tutta la filiera. Lato fornitura, le imprese verificano che anche i propri fornitori dimostrino di essere sostenibili in termini di sicurezza dei processi e degli ambienti di lavoro (49%), di impatto ambientale (33%) e di politiche del lavoro attuate (28%). Guardando invece al mercato di sbocco, il 49% delle PMI svolge anche iniziative di stakeholder engagement e dialogo con il territorio sostenendo organizzazioni no profit o finanziando attività pubbliche ESG.

PMI e sostenibilità: più reputazione e alcuni ostacoli nel percorso green

Quasi nove PMI su dieci (88%) non considerano la sostenibilità un mero costo, ma portatrice di vantaggi concreti. Il 62% delle imprese che investe in sostenibilità riferisce un miglioramento della reputation sul mercato e nel territorio di appartenenza e il 41% delle imprese riporta un aumento della soddisfazione del personale. Ma c’è anche un rovescio della medaglia. Il 66% delle PMI ha dovuto affrontare degli ostacoli: per il 44% si è registrato un aumento dei costi, per il 23% una mancanza di competenze del personale.

Tra le motivazioni per le quali una parte delle imprese non ha ancora investito in sostenibilità (62%) troviamo al primo posto la difficoltà di implementazione di azioni sostenibili sul prodotto o sul processo produttivo, a seguire i costi elevati. Queste PMI sono però decise a superare queste difficoltà in quanto il 66% dichiara che intende investire su questo aspetto in futuro “certamente” (7%) o “probabilmente” (59%).

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    banca ifisbanca ifis 2021market watch pmisostenibilitàsostenibilità aziende italianepmi italiane
    i più visti
    in evidenza
    In gol Arturo Calabresi È il figlio del Biascica di Boris

    Coppa Italia, Roma-Lecce

    In gol Arturo Calabresi
    È il figlio del Biascica di Boris


    casa, immobiliare
    motori
    Peugeot 9X8, molto più che un'auto da corsa

    Peugeot 9X8, molto più che un'auto da corsa

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.