Per segnalazioni: corporate@affaritaliani.it
A- A+
Corporate - Il giornale delle imprese
Intesa Sanpaolo: produzione industriale più resiliente ad agosto

Intesa Sanpaolo,
rilevata produzione industriale più resiliente fino ad agosto, ma non è destinata a durare: l'analisi di Paolo Mameli

La produzione industriale ha registrato un aumento superiore a ogni più rosea previsione ad agosto: +2,3% m/m, dopo il +0,5% di luglio. L'indice destagionalizzato della produzione risulta ora superiore del 3,9% rispetto al livello pre-Covid, ed è tornato anche al di sopra dei livelli prebellici (+1,1% rispetto a febbraio 2022). Su base annua, la produzione è rimbalzata al 2,9% da un precedente -1,3% (sui dati corretti per gli effetti di calendario). L'aumento registrato nel mese è stato guidato dai beni di consumo, che sono rimbalzati del 2,6% m/m dopo essere calati in ciascuno dei tre mesi precedenti (tuttavia, i durevoli sono scesi per il terzo mese di fila).  I beni strumentali sono cresciuti dell'1,8% m/m dopo il 2,1% di luglio. Anche i beni intermedi hanno visto un aumento dello 0,8%, mentre la produzione nel settore energetico è scesa per il secondo mese (-2,3% m/m). Su base annua, i beni di consumo sono ancora trainanti (8,6% a/a), mentre i beni intermedi restano in calo tendenziale (-1,4%).

Il dettaglio per settore è misto, e non univocamente positivo. Da un lato, alcuni comparti mostrano una crescita annua molto ampia (farmaceutica +51%, computer ed elettronica +31%, tessile e abbigliamento +20,9%). Dall’altro lato, in deciso calo rispetto a un anno prima troviamo, non a caso, i settori più energivori: chimica (-14,6%), metalli (-11,3%) e gomma e plastica (-4,3%). La produzione industriale è ora in rotta per un aumento marginale nel 3° trimestre (0,3% t/t, in caso di stabilità a settembre).

Tuttavia, i dati di agosto sono tipicamente molto volatili, in quanto molto influenzati dalle tempistiche delle chiusure delle fabbriche per ferie. In ogni caso, il parziale allentamento delle strozzature dal lato dell'offerta suggerito dalle indagini (almeno fino ad agosto) potrebbe aver avuto un ruolo nel favorire un aumento della produzione in luglio e agosto. Si sospetta che l’output possa essere tornato a calare a settembre. Soprattutto, le indagini suggeriscono che il peggio deve ancora venire, in particolare nei settori ad alta intensità energetica (il cui trend potrebbe essere anticipatore rispetto a quello della maggior parte degli altri comparti).

In sintesi, l’industria sinora si è mostrata più resiliente rispetto a quanto era lecito attendersi sulla base dell’entità dello shock sulle materie prime nei mesi primaverili ed estivi, sia perché le imprese industriali hanno potuto far fronte allo shock partendo da elevati livelli di profitti e liquidità accumulati nell’ultimo anno e mezzo, nonché di ordini “accumulati”; sia perché gli effetti “a valle” dei rincari energetici sono in qualche modo “ritardati” dai meccanismi di fissazione dei prezzi per la presenza di contratti a lungo termine e, specie per le grandi imprese, di strumenti di hedging.

L’impatto potrebbe, però, essere solo rimandato. Dopo una sostanziale stagnazione nei mesi estivi, continua ad essere attesa una contrazione del PIL su base congiunturale nei prossimi trimestri, verosimilmente tra fine 2022 e la prima parte del 2023, quando è atteso un picco per i prezzi del gas naturale. I rischi sull'attività economica, sia nel settore industriale che sull’attività economica in generale, restano orientati al ribasso.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
intesa sanpaolo agosto 2022intesa sanpaolo crescita beni di consumointesa sanpaolo italiaintesa sanpaolo paolo mameliintesa sanpaolo produzione industriale




Gli Scatti d’Affari

Acqua Sant’Anna: inaugurata la mostra fotografica 'Acqua-Liquida bellezza'

Gli Scatti d’Affari

LVMH: al via il tour ‘You&ME’ per far scoprire i Mestieri d’Eccellenza

Gli Scatti d’Affari

Fondazione Cariparma conferma la propria crescita con un risultato di €54 mln

Gli Scatti d’Affari

Milano Design Week 2024, ad Alcova il pop up di Davide Longoni e MadreProject

Gli Scatti d’Affari

Gruppo Iren inaugura a Borgaro Torinese l’impianto ‘Circular Plastic’

Gli Scatti d’Affari

Zacapa rum sbarca alla Design Week milanese con 'Zacapa Soul Nest'

Gli Scatti d’Affari

Fidia Farmaceutici, ottenuta la certificazione per la parità di genere

Gli Scatti d’Affari

TIM lancia il nuovo spot della campagna 'TIM rivaluta lo Smartphone'

Gli Scatti d’Affari

Vueling propone le migliori destinazioni europee primaverili

Gli Scatti d’Affari

Europea servizi terminalistici, Augusta: aperto il nuovo Terminal containers

Guarda gli altri Scatti

in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


motori
Tavares CEO Stellantis, conferma la produzione della Fiat Panda fino al 2030

Tavares CEO Stellantis, conferma la produzione della Fiat Panda fino al 2030

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.