A- A+
Economia
Open Fiber, la melina di Starace. E lo scotto lo paga Tim: -7% in Borsa

Da tre giorni la rete unica è tornata al centro dell’agenda politica italiana. Meno male, verrebbe da dire, perché pensare di competere con gli altri Paesi in ottica di digitalizzazione se si ha la seconda connessione più lenta d’Europa diventa complicato. Il ministro dello Sviluppo Economico Giancarlo Giorgetti è tornato a cannoneggiare contro i privati, dichiarando che l’esecutivo non è contrario alla rete unica, ma non tollera più ritardi nel progetto. Lo fa, non a caso, al termine dell’incontro con il ministro dell’economia francese Bruno Le Maire, uno dei più convinti sostenitori del Recovery Plan europeo.

ENEL AD 002754 154 HR

Il Ceo dell'Enel Francesco Starace


 

L’Italia deve mettersi ventre a terra per colmare un gap infrastrutturale che ha accumulato negli anni con le altre nazioni europee. Ma deve decidere una volta per tutte su quale cavallo puntare.

Ieri si diceva che il modello vincente di rete unica potrebbe essere simile a Inwit, con tanti operatori diversi che, nelle aree grigie (per ora) e in quelle bianche (il più presto possibile) creano un circolo virtuoso.

Non per niente, sembra assodato che lo Stato possa mettere mano al portafoglio direttamente con un investimento di circa 200 milioni – almeno – per iniziare le operazioni di cablaggio delle aree più arretrate del Paese. Tra l’altro, l’unione delle forze permetterebbe di creare un’infrastruttura unica efficace: in alcune parti d’Italia, per esempio, sarebbe interessante intanto portare la tecnologia Fwa (una sorta di Adsl più robusto) a una velocità di almeno 100 Mbit/sec. Cosa che avviene, ma non da parte di tutti gli operatori e non in modo omogeneo.

D’altro canto, sembra ormai deciso anche il ruolo di Cassa Depositi e Prestiti come “direttore d’orchestra”. La conferma di Fabrizio Palermo in Via Goito, da questo punto di vista, sarebbe una nomina nel segno della continuità anche su questo dossier ritenuto strategico. Senza contare che nei tre anni al timone della Cassa il manager ha preso decisioni in linea con la visione del governo Draghi – su tutte, la rinuncia a entrare nella partita Alitalia – e sarebbe quindi una mezza sorpresa non ritrovarlo al suo posto dopo il 31 marzo.

Ma dunque Giorgetti a chi sta mettendo fretta? All’altra metà di Open Fiber, cioè Enel. La quale, nel frattempo, ha però preso ulteriormente tempo. L’amministratore delegato della società, Francesco Starace, nel presentare i risultati del 2020 agli analisti – tra l’altro, risultati estremamente commendevoli – ha sì annunciato una risoluzione della partecipazione di Enel in OF, ma ha anche preso come arco temporale l’intero 2021. Luigi Gubitosi già da tempo aveva iniziato a mostrare il malcontento di Tim per questo continuo rinviare una decisione che invece dovrebbe essere scontata. E infatti oggi l’ex-Sip, dopo tre settimane di costante crescita, fa i conti con pesanti vendite che hanno gravato il titolo con perdite superiori al 7%. 

(Segue)

Commenti
    Tags:
    timrete timrete unica timopen fibercdp open fibermacquarieblackrockaccescoluigi gubitosivittorio colaogiorgetti rete tim
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.