A- A+
Economia
Tim, Colao accelera sulla rete unica. Modello Inwit a più operatori

A Giancarlo Giorgetti va riconosciuto un indubbio merito: è il primo politico, da tempo immemore, che si spende in prima persona sulla rete unica. Il tema è centrale in un’ottica Recovery Plan: la cifra destinata alla digitalizzazione del nostro paese è di 45,5 miliardi di euro che dovranno consentire di fare un salto in avanti notevole. Oggi Vittorio Colao ha di fatto ribadito l’urgenza di trovare una soluzione condivisa che permetta di accelerare i tempi. L’ex amministratore delegato di Vodafone, che di reti si intende eccome, ha addirittura deciso di fare dell’Italia un “campione europeo”. Ma per fare questo serve che si faccia chiarezza su diversi punti. Andiamo con ordine.

Prima di tutto, quando Giorgetti – parlando da politico – dice che la rete unica deve essere in mani pubbliche e che comunque non vi è interesse a consegnare il progetto a un operatore privato per di più a maggioranza straniera (cioè Tim), sta cercando prima di tutto di smuovere le acque. Tant’è che il titolo in Borsa dell’ex-Sip non è precipitato come invece sarebbe successo se si fosse pensato che davvero Tim non avrebbe avuto un ruolo di guida nel progetto AccessCo. Fonti qualificate riferiscono ad Affaritaliani.it che sarebbe sorprendente per l’azienda se le venisse sfilato il timone del comando: in fin dei conti, si tratta del principale operatore in Italia e il 50,1% sarebbe il giusto riconoscimento.

Dunque che cosa si intende per rete unica? A quanto ci risulta, il progetto a cui ispirarsi è quello di Inwit e delle torri. Un’azienda gestita sostanzialmente da due operatori, cioè Vodafone e Tim, che è ora un autentico gioiellino dopo lo spin-off del 2015 da Telecom Italia. Ma nel caso della rete unica i soggetti sarebbero molteplici e la vera forza sarebbe la pluralità di operatori che entrerebbero – ovvero tutti coloro che hanno un interesse di sorta – che coopererebbero nel cablare le aree grigie.

È bene ricordare, infatti, che l’Italia è divisa in tre aree: quelle nere, ad altissima redditività in cui la concorrenza è più alta, quelle grigie, a minore vantaggio e quelle bianche, con nulla o scarsissima convenienza. Proprio sul ritardo nel cablare le aree bianche si è speso Giorgetti, ricordando come sia essenziale per i servizi retail ma anche per quelli della pubblica amministrazione e delle aziende che si proceda a una netta inversione di tendenza.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    timrete unicagiancarlo giorgettivittorio colaoopen fiberelisabetta ripa open fiberpalermo cdp
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Il vaccino preferito dagli italiani? Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes

    Covid vissuto con ironia

    Il vaccino preferito dagli italiani?
    Pfizer? Ma va: l'Acqua di Lourdes


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Seat Arona, nuovo look e interni rinnovati

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.