A- A+
Economia
PopBari, commissari al lavoro sul management. Si guarda al dopo-assemblea

Dai commissari straordinari della Banca Popolare di Bari, Antonio Blandini ed Enrico Ajello arrivano parole di fiducia sull’esito dell’assemblea degli azionisti (convocata per il 29, il 30 in seconda convocazione; sembra sia state raggiunte le 22 mila deleghe. Con altre 10 mila l'assemblea va in prima convocazione), assise chiamata a trasformare la Popolare in Spa, ad aumentare il capitale e a cederlo poi a Mediocredito centrale (Mcc). 

Pare però che Blandini e Ajello, come raccontato da Affaritaliani.it, nutrano qualche timore sul via libera dei soci al cambio di forma giuridica della banca, disco verde che se non arrivasse aprirebbe la strada alla risoluzione in stile Banca Marche.

IPA FGR2903087 pr
 

Sulla trasformazione in Spa, infatti, sono tutti apparentemente d’accordo, ma sia i commissari sia i vertici della Banca d’Italia sia il direttore generale del Tesoro Alessandro Rivera, che sta seguendo in prima persona questa partita per il Governo, e sia alcuni esponenti dell'esecutivo stesso temono il colpo gobbo da parte degli azionisti (69 mila in tutto che devono esprimersi a distanza entro la scadenza del 27 giugno), alcuni dei quali sarebbero convinti di poter avviare - con il “no” alla trasformazione societaria - una sorta di trattativa con il Mef per ottenere di più rispetto ai 2,38 euro per azione messi sul tavolo. Un valore che Blandini ha definito già “elevatissimo per una banca commissariata che ha perso tutto il suo capitale”.

banca d'italia ape
 

Quello che questi soci non sanno è che, con le nuove regole comunitarie, in realtà l’offerta è prendere o lasciare: non ci sono più infatti le condizioni politiche per risolvere la crisi come altre in passato e cioè con maggiori esborsi di denaro pubblico.

Rispetto agli auspici di inizio operazione, la politica nazionale e locale non sta dando una mano ai commissari, che speravano in una discesa in campo di tutti i partiti, affinché spronassero i soci e il territorio per favorire l’esito positivo del voto assembleare. Forze politiche ora forse timorose di contrariare l’elettorato, specialmente in un momento come questo dove la Puglia si sta avviando a una difficile campagna elettorale che terminerà con il voto del 20 e del 21 settembre. La sfida fra Raffaele Fitto e l'attuale governatore Michele Emiliano che scalda maggiormente la politica a livello nazionale. 

E non tranquillizza addirittura che un ex potentato locale come la famiglia Jacobini, artefice per 60 anni dei tronfi e dei disastri dell'istituto di credito pugliese, non abbia alcun interesse a stoppare l'addio al modello popolare. Con il “no” alla Spa, infatti, la banca verrebbe messa in liquidazione e per la vecchia gestione si aprirebbero le porte dell’accusa di bancarotta, mentre per il momento lo scenario è soltanto quello dell’azione di responsabilità nei confronti degli ex-vertici. Attualmente solo promessa.

Così mentre è stato coinvolto nella preparazione dei lavori assembleari anche Morrow Sodali, leader mondiale delle informazioni di mercato, ingaggiato dalla banca per dare informazioni agli azionisti (e la Comin&Partners per la comunicazione), Blandini ed Ajello sono già al lavoro sulla fase post-commissariale per lanciare messaggi di fiducia a tutti gli stakeholders sulla nuova era che si aprirà a Bari. A cominciare dalla governance.

Alcune fonti interne alla banca spiegano che il piano dei commissari, d’accordo con Fondo interbancario e Mcc, è volto infatti alla individuazione di un nuovo management, in grado da un lato di tagliare tutti i ponti col passato e dall’altro di gestire una nuova realtà che dovrà aggregare altri istituti per far nascere una grande banca del Sud. Dopo l’assemblea e si spera il passaggio alla nuova forma giuridica, infatti Blandini e Ajello gestiranno la transizione restando sino a fine anno (non ci saranno né proroghe né trasformazioni del loro mandato) per occuparsi di alcuni adempimenti formali.

E in autunno la nuova assemblea dovrà varare poi il futuro consiglio. Sempre entro fine anno andrà anche trovato un nuovo direttore generale (l’attuale Paolo Alberto De Angelis è a termine) e un nuovo capo del personale. Dopo gli strali lanciati a fine febbraio dal M5S all’ex Veneto Banca Cristiano Carrus, chiamato dai commissari straordinari come chief financial officer per gestire i conti del gruppo nella fase emergenziale post-Jacobini, la ricoferma del banchiere non è assolutamente scontata.

@andreadeugeni

Loading...
Commenti
    Tags:
    banca popolare di baricommissari straordinariassemblea banca popolare di bariantonio blandini ed enrico ajellobanca d'italia
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    L'ironia del web colpisce ancora Stavolta nel mirino c'è Di Maio

    Costume

    L'ironia del web colpisce ancora
    Stavolta nel mirino c'è Di Maio


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford Mustang Mach-E GT, mostra il vero potenziale di un propulsore elettrico

    Ford Mustang Mach-E GT, mostra il vero potenziale di un propulsore elettrico

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.