A- A+
Economia
Renault, prima perdita in 10 anni. Il 2020? La "Losanga" vede nero. Titolo ko

Avrà un bel da fare l'italiano Luca De Meo appena arrivato alla tolda di comando di Renault che  non riesce a intravedere la fine del tunnel dopo il primo anno dallo scandalo che ha portato all'arresto del patron Carlos Ghosn

Non soltanto nel rilanciare l'alleanza con il partner giapponese Nissan (di cui la casa automobilistica francese controlla il 43% del capitale), chiudendo definitivamente l'era Ghosn, ma anche nel cercare di invertire la china dei conti che in quest'anno turbolento (il ruolo di Ceo ad interim è stato affidata alla chief financial officer Clotilde Delbos) hanno segnato la prima perdita negli ultimi dieci anni: 141 milioni di euro. Non accadeva infatti dal 2009 che la casa della Losanga chiudesse in rosso. 

Il cattivo andamento di Nissan, 753 milioni di euro di oneri fiscali in Francia e il calo della domanda (e dei ricavi) in alcune aree chiave per i car-makers mondiali come quella cinese hanno pesato sull'andamento del bilancio: in un mercato globale in contrazione, le vendite hanno segnato un calo 3,4% corrispondenti a 3,8 milioni di vetture e a 55,5 miliardi di euro di fatturato, in ribasso del 3,3%. Una discesa strutturale, perché anche a cambi costanti, e cioè depurati dell'effetto valutario, i ricavi sarebbero calati del 2,7%. Il dividendo della Renault ha subito una sforbiciata di oltre due terzi a 1,10 euro per azione da 3,55 euro.

Con un'economia mondiale su cui pesa l'incognita del coronavirus che sta ritardando l'apertura delle fabriche cinesi, nel fornire le previsioni per il nuovo esercizio, Renault ha anticipato un nuovo calo dei suoi profitti operativi, che scenderanno tra il 3% e il 4% delle vendite, contro il 4,8% del 2019 e il 6,3% del 2018.  

In cima alla lista nera dei problemi quest'anno, la casa della Losanga mette il rallentamento delle vendite nel Dragone, area dove Renault opera in joint venture con alcuni produttori locali. "La visibilità per il 2020 rimane limitata dalla volatilità attesa dei mercati" e "dai possibili impatti del coronavirus", ha spiegato in una nota Delbos che detiene ancora l'interim della gestione nel ruolo di Ceo e che ha accolto con favore il fatto che Renault sia stata in grado di ottenere "risultati in linea" con gli obiettivi che erano stati abbassati in ottobre. 

Renault possiede una fabbrica a Wuhan, epicentro dello scoppo dell'epidemia che sta preoccupando il mondo, stabilimento nel distretto dell'automotive che rimarrà chiuso come molti altri (anche Honda ha appena annunciato che le attività rimarranno bloccate per altri 10 giorni) per contenere la diffusione del coronavirus. E proprio in merito alla diffusione dell'epidemia del 2019-nCoV, nel corso della conference call sui conti Delbos ha fatto sapere che anche la fabbrica di Renault in Corea del Sud è stato chiusa e dovrebbe riaprire la prossima settimana. Un altro dei problemi che il gruppo sta affrontando, infatti, è la mancanza di approvvigionamenti da parte dei fornitori che si trovano nella regione cinese dell'Hubei e quindi alcuni stabilimenti di Renault stanno affrontando la mancanza di alcuni pezzi.

Dopo la diffusione dei risultati, il titolo Renault è scivolato in coda al Cac40. Le azioni del gruppo francese infatti perdono il 4%, quando l'indice delle blue chips transalpine è in calo dello 0,11%.

 

 

 

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    renaultnissanbilancio renault 2019luca de meo
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Mattarella ormai capellone L'annuncio: "Pandemia finita"

    Coronavirus vissuto con ironia

    Mattarella ormai capellone
    L'annuncio: "Pandemia finita"


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Svelata la nuova bici 3T FOR BMW

    Svelata la nuova bici 3T FOR BMW

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.