A- A+
Economia
Smart working, Dadone: “Il 50% è minimo, lo sciopero è scelta abnorme”
Smart Working

Smart working: parla la ministra Dadone 

“Lo sciopero? Non ho remore a definire abnorme la scelta dei sindacati”. Lo dichiara in un’intervista a La Stampa il ministro della Pubblica amministrazione Fabiana Dadone, secondo la quale “dobbiamo evitare un nuovo lockdown generalizzato e tenere insieme la tutela della salute con l'erogazione dei servizi a cittadini e imprese”. Dadone poi assicura che “da parte nostra c'è sempre stata ricerca di dialogo e poi risposte nei fatti”, pertanto “uno sciopero in piena pandemia, e con la necessità per la Pa di supportare la ripresa del Paese, potrebbe apparire davvero poco giustificabile”. 

Smart working: “Ciascuna amministrazione può aumentare in base alle necessità”

E sulla soglia minima del 50% da lei stessa fissata, invitando chi può a fare di più, la ministra Dadone osserva: “Si trattava di una percentuale secca e da metà settembre. Con il Dpcm del 13 ottobre invece abbiamo specificato che si tratta di una soglia minima che ciascuna amministrazione può aumentare in base alle proprie peculiarità: attività, capacità organizzative, requisiti tecnologici. Ci saranno enti capaci di arrivare persino all'80-90% ed enti che dovranno ancora implementare strumenti e procedure ‘agili’". 

E ai sindacati lamentano anche le scarse risorse per il rinnovo del contratto dice: “È una dote nettamente superiore rispetto alla precedente tornata: potranno essere riconosciuti incrementi del doppio rispetto all'inflazione e, dunque, una crescita dei salari non solo in termini nominali, ma anche reali. In un momento di straordinaria difficoltà del Paese è un risultato di grande rilievo”. 

Smart working: “Non c’era tempo per un accordo ad hoc” 

Il punto di divisione con i sindacati è lo smart working e l’uso che se ne fa, che a loro avviso rischia di mettere in discussione la contrattazione. Alla contestazione Dadone replica: “La contrattazione non viene intaccata dal decreto e non mi sognerei mai di farlo, anzi si richiama specificatamente il confronto sul lavoro agile, come previsto dai contratti e nel protocollo del 24 luglio”.

Secondo il ministro della Pa, poi, “ci sono esigenze organizzative collegate all'emergenza pandemica che richiedono una risposta rapida per tutelare la salute e assicurare i servizi” e pertanto visto l’emergenza incalzante “non c'era tempo per un accordo quadro ad hoc, è evidente”, dice a discarico del governo.

 

Loading...
Commenti
    Tags:
    smart workingdadone50 per centoscioperoscelta
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    "Perché Salvini merita rispetto" Il libro fatto di sole pagine vuote

    Best Seller su Amazon

    "Perché Salvini merita rispetto"
    Il libro fatto di sole pagine vuote


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    La tecnologia Bosch a bordo della nuova Maserati Ghibli

    La tecnologia Bosch a bordo della nuova Maserati Ghibli

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.