A- A+
Economia
Tim, la multa per telemarketing selvaggio e la grande ipocrisia della privacy

Qualche giorno fa l’Authority garante dei dati personali ha inflitto oltre 27 milioni di euro alla TIM per telemarketing selvaggio. Milioni di persone sarebbero state contattate ripetutamente ai loro numeri di telefono senza avere rilasciato autorizzazioni (come da legge in vigore) a ricevere promozioni commerciali. Al di la del fatto specifico, credo che sul tema privacy ci stia consumando l’ipocrisia del secolo. Se allarghiamo il discorso alla pletora di normative per la protezione dei dati personali (la GDPR) su responsabilità, titolarità e conservazione dei dati, la mia reazione è sempre la stessa: troppo tardi. Perché? Molto semplice, abbiamo barattato la nostra desiderata visibilità on line e possibilità di avere sempre servizi gratuiti in cambio dei nostri profili, ovvero la miriade di informazioni che vengono tracciate su di noi proprio quando usiamo quei servizi e quando ci lusinghiamo a pubblicare una nostra foto (e dei nostri gattini) sui social.

Qualche giorno fa Rai Tre è tornata proprio su questo tema, evidenziando le conseguenze sulla privacy a causa delle nostre facili autorizzazioni che concediamo quando, ad esempio, scarichiamo un’app. Il lungimirante scrittore Dave Egger (scrittore, non giurista o esperto di questi temi) ha scritto anni fa: ormai la nostra privacy ce la siamo giocata, punto.

Pensiamo veramente che basti ricevere qualche telefonata in meno da chi ci implora attenzione per ricevere una proposta di un qualche prodotto? Pensiamo davvero che basti un addendum contrattuale (che nessuno legge) che specifichi come i nostri dati saranno gestiti per dormire sonni tranquilli? Pensate che basti arginare un po’ di spamming via mail? Le normative sul tema di privacy hanno avuto anche l’effetto di far diventare più scaltri e abili coloro che, scientemente, vogliono entrare in ogni minuto della nostra vita. Governare la privacy oggi è come tentare di bloccare un certo modello di progresso, bisognerebbe agire su aspetti sistemici ormai impossibili da reindirizzare per come la nostra vita è cambiata. Pensiamo alla nostra giornata. Al mattino usciamo di casa, impostiamo il navigatore che ci segue come una spia, paghiamo il parcheggio con un’app, facciamo la spesa usando una carta di credito (spesso virtuale), prenotiamo il cinema on line, facciamo un bancomat per la paghetta ai figli, poi arriviamo casa e finalmente, dopo qualche acquisto su Amazon e due bonifici on line, possiamo dedicarci ai nostri social preferiti....Facebook, Instagram, Linkedin, poi, dopo aver messo a letto la moglie, qualcuno cerca compagnia su Tinder e a notte fonda chiamiamo via Skipe un amico dall’altra parte del mondo. Nel frattempo, nonostante i mille moduli a vostra “tutela”, siete stati marchiati a fuoco, e le crocette del piffero che avete impresso sui vari consensi in qualche application sapete a che servono? Servono come un palloncino bucato riesce contenere l’aria. Più si producono normative e più veniamo stuzzicati da gadget e servizi gratuiti (pensiamo anche agli spazi virtuali che ci vengono regalati per le nostre foto) in cambio di dati personali che concediamo con leggerezza. La nostra privacy, diciamocelo, siamo stati noi a svendercela in cambio della nostra desiderata onnipresenza pubblica.

Abbiamo svenduto l’anima la diavolo, e non possiamo ora fare tanta cagnara.

Loading...
Commenti
    Tags:
    multa timtelemarketingtelemarketing multa tim
    Loading...
    i più visti
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Con la quarantena città vuote Grosso problema per i piccioni

    Coronavirus vissuto con ironia

    Con la quarantena città vuote
    Grosso problema per i piccioni


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Arriva in Italia la XC40 Recharge la prima Volvo ibrida di serie

    Arriva in Italia la XC40 Recharge la prima Volvo ibrida di serie

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.