A- A+
Economia
UniCredit, rumors: Anima, Arca e Mediobanca, i target di Orcel. Ecco perchè

È vero: Andrea Orcel ha rimandato l’M&A alla fine dell’anno, quando cioè la situazione della pandemia sarebbe stata definita in modo più netto. E anche quando la vicenda Mps si sarà chiarita ulteriormente. Fino ad allora, però, c’è da scommettere che la sua scrivania in Piazza Gae Aulenti sia invasa di dossier di possibili obiettivi su cui puntare. 

Quello che è evidente – ed è il motivo per cui Orcel ha sostituito Jean Pierre Mustier – è che non è più il tempo per l’istituto milanese di guardare Banca Intesa irrobustirsi sempre più senza mettere in campo adeguate contromisure. Oltre alla già citata Montepaschi, ci sono alcuni obiettivi diversi che il manager potrebbe vagliare prima di decidere il da farsi.

8999279 large
 

Non è un mistero che il primo e più “concreto” sia quello che riguarda Banco Bpm. L’istituto guidato da Giuseppe Castagna, infatti, è da tempo alla ricerca di un partner con cui realizzare il famoso “terzo polo”, alternativo a UniCredit e Intesa. Discorsi erano stati avviati negli scorsi mesi con Bper e con Carlo Cimbri, numero uno di Unipol che dell’istituto modenese detiene il 19%.

Cimbri ha indicato Piero Montani come nuovo amministratore delegato per l’istituto di credito emiliano aprendo a una nuova stagione dopo quella di Alessandro Vandelli. Sempre Unipol ha recentemente acquistato il 6,62% della Banca Popolare di Sondrio arrivando a oltre il 9% del capitale. Possibile una triangolazione con Banco e Bper? La risposta secca è sì. Quella più articolata è che sarebbe difficile riuscire a mettere insieme tutte quelle teste e quelle specificità territoriali.

Banco BPM Gruppo APE
 

E qui potrebbe inserirsi Orcel. Il quale ha da tempo nel mirino proprio Banco Bpm, ma che ha anche due mosse a sorpresa da giocare a tempo debito. A quanto può riferire Affaritaliani.it, il manager di Piazza Gae Aulenti vuole puntare anche sulle cosiddette fabbriche prodotto, cioè su soggetti di gestione del risparmio, credito al consumo e via dicendo. Proprio la gestione del risparmio , complice la pandemia, sta diventando sempre più nodale nelle strategie degli istituti.

Così, dopo che un mese fa il ceo di Anima Holding, Alessandro Melzi D’Eril, aveva dichiarato di essere pronto a strategie di M&A (probabilmente il manager pensava a un ruolo più “attivo” di Anima, ma questi sono dettagli) ora sembra che nella lista di potenziali target del gruppo di Piazza Gae Aulenti, secondo i rumors, ci sia anche la società di gestione del risparmio che vede come principale azionista proprio Banco Bpm, con una quota del 19,4%, seguito da Poste Italiane. Anima ha oltre 194 miliardi di masse gestite, cresciute di 17 miliardi rispetto ad aprile del 2020.

(Segue...)

Commenti
    Tags:
    unicreditandrea orcelbancobpmanima holdinggiuseppe castagnaposte italiane
    S
    i più visti
    in evidenza
    Dazn spegne i rumors sulla Leotta E' confermata sulla Serie A . Le foto

    Sport

    Dazn spegne i rumors sulla Leotta
    E' confermata sulla Serie A. Le foto


    casa, immobiliare
    motori
    Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

    Andrea Vesco e Fabio Salvinelli vincono la 1000 Miglia 2021

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.