A- A+
Economia
Usa, l’economia americana a gonfie vele dopo la pandemia da Covid-19
 Joe Biden
Lapresse

La luna di miele di Joe Biden con gli americani sembra aver perso un pò della sua energia. La campagna vaccinale è andata forte all’inizio ma adesso, soprattutto a causa di una grande parte di persone indecise o addirittura contrarie al vaccino, sta rallentando pericolosamente. Molte progettualità promesse dal democratico, dalla riforma della polizia alla cancellazione del muro con il Messico, al contenimento dell’immigrazione si stanno impantanando al Congresso sotto la dura opposizione repubblicana.

Ma c’è un punto che invece sembra rimanere come un costante aiuto al presidente, ed è l’economia del paese.

Nel secondo trimestre dell’anno infatti la potente macchina economica americana ha dato un'altra accelerazione. Sostenuta in gran parte dalle riaperture, dall'aumento (anche se adesso un po’ a rilento delle vaccinazioni) e dal piano di stimoli  economici del Governo ha raggiunto un tasso di crescita dell' 1,6% (6,5% nel dato dell’anno).

Un trend che ha permesso di recuperare praticamente tutto il livello pre-pandemico.

Nella Grande Recessione del 2009 gli Stati Uniti avevano avuto bisogno di oltre due anni per poter riuscire dalla crisi. Ora sembrano essere bastati soltanto pochi mesi non solo per venirne fuori ma persino per recuperare il perduto.

Tuttavia non sono tutte rose per Joe Biden. La crescita infatti è lontana dal 2,1% (8,5% sull’anno) che gli analisti avevano previsto. È solo un decimo in più rispetto a quella registrata nel primo trimestre, 1,5%, quando la situazione era diversa. La macchina delle vaccinazioni stava rallentando, il ritorno alla normalità ancora troppo timido e il programma di rilancio 1,9 trilioni di dollari dell'amministrazione Joe Biden in discussione al Congresso.

In ogni caso la spesa dei consumatori è cresciuta di ben il 2,95%, ma gli investimenti privati ​​si sono contratti del 3,5%.

Il mercato del lavoro, invece, sta rallentando mentre molti datori di lavoro lamentano la mancanza di lavoratori. Il che ha acceso il dibattito sulla “troppa validità” dei benefici sociali promossi dai Democratici. Il tasso di disoccupazione è stato del 5,9% nel  mese scorso. Prima della pandemia era poco più del 3,5%.

La diffusione della variante Delta del Covid-19 sta creando qualche preoccupazione per i prossimi mesi.

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell era ottimista, ma cauto sugli effetti di questa nuova versione del virus sull'economia. "Non siamo esperti su questo virus-ha detto-ma con una percentuale ragionevolmente alta della popolazione vaccinata e i vaccini funzionanti, sembra corretto stimare che gli effetti saranno minori".

Infine la Fed ha alzato la sua previsione di crescita per quest'anno al 7% , rispetto alla proiezione del 6,5% che aveva fatto lo scorso marzo, una velocità mai vista dagli anni '80. E questa è una speranza anche per il resto del mondo.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    covid-19pandemiajoe bideneconomiafedripresarecessione
    i più visti
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia


    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.