A- A+
Economia
Viaggio nella galassia Del Vecchio, un impero da 30 miliardi
Marc Zuckerberg e Leonardo del Vecchio

Del Vecchio, un impero da 30 miliardi: chi per la successione?

Si può dire che la morte di un uomo di 87 anni sia un evento inatteso? Sicuramente no. Ma si può affermare la successione finanziaria di chi ha saputo costruire un impero da – complessivi – 30 miliardi di dollari, non possa essere evento scontato o, tantomeno, semplice. La Delfin è la holding lussemburghese che conta quasi 11 miliardi di attivi, 254 milioni di liquidità e 4,8 miliardi di capitale e riserve che custodisce le partecipazioni in EssilorLuxottica (32,2%), l’azienda immobiliare Covivio (26%), Mediobanca (19,2%), Generali (9,82%) e Unicredit (1,9%). Una successione tutt'altro che scontata. Intanto, perché la complessità della progenie (sei figli da tre mogli, ognuno titolare di un 12,5% di Delfin) rende davvero compito arduo capire chi dovrà succedergli.

Come amava dire Del Vecchio, i figli non devono entrare in azienda perché un manager, per quanto a caro costo, può sempre essere allontanato, mentre un figlio no. Notevole il ruolo affidato a Nicoletta Zampillo, che detiene il 25% della Delfin e che ha sposato per ben due volte Leonardo Del Vecchio. La prima nel 1997, la seconda nel 2010. Ma attenzione, perché il fatto che sia lei a detenere la quota più alta della holding non significa automaticamente che sarà lei a guidare le sorti della famiglia. Perché quando le venne chiesto se avrebbe preso le redini dell'impero del marito, rispose che il suo ruolo era quello di madre e moglie. Non solo: da statuto, perché vengano prese decisioni importanti serve l'accordo dell'88% delle quote. Un modo per impedire che avvenissero faide e smembramenti delle partecipazioni. 

Dunque che cosa succederà alla Galassia del Paperone di Agordo? Prima di tutto sappiamo per certo che sono tre le persone cui Del Vecchio si rivolgeva con grande fiducia: il super avvocato Sergio Erede, già consigliere di Urbano Cairo nella querelle con Blackstone, che ha aiutato il fondatore di Luxottica a crescre nella finanza, rastrellando azioni di Generali fino ad arrivare a un passo dal 10%. Ma, soprattutto, Erede è lo stratega della scalata di Del Vecchio in Mediobanca, su cui torneremo. Il secondo è uomo su cui il magnate di Agordo fa enorme affidamento è Romolo Bardin, amministratore delegato di Delfin ed ex membro del consiglio di amministrazione di Assicurazioni Generali prima dello strappo di inizio 2022. È lui uno dei tre membri del cda che ha votato contro alla prosecuzione dell’esperienza di Philippe Donnet nel Leone alla riunione informale dei membri non esecutivi del board lo scorso 14 settembre 2021

Chi è Francesco Milleri

Il terzo e ultimo uomo forte è Francesco Milleri, amministratore delegato di EssilorLuxottica. È forse il meno “chiacchierato” tra gli uomini del cerchio magico di Del Vecchio, ma ha molto potere. Prima di tutto, perché è lo stesso ex-martinitt ad averlo “investito” ufficialmente già alla fine del 2017. In un’intervista al Corriere, infatti, il magnate aveva dichiarato che "considerata la mia età, ho espressamente voluto che nel contratto sottoscritto con Essilor, sia Francesco Milleri a sostituirmi nel caso io venissi a mancare". Interessante, per vedere come si viene a creare il rapporto di fiducia tra Del Vecchio e i suoi luogotenenti, la modalità di conoscenza tra i due. Milleri, infatti, aveva una società di consulenza e sviluppo informatici per gli ambienti Sap, ovvero il gestionale più usato al mondo. E Luxottica, nel 2007, si rivolse a lui su indicazione di Del Vecchio.

Dal 2007 al 2014, mentre ad Agordo “regnava” Andrea Guerra, Milleri ebbe modo di conoscere dall’interno che cosa stava succedendo in azienda. Così, quando il manager abbandonò la sua posizione per seguire Renzi dopo la Leopolda, Milleri divenne una sorta di consigliere strategico di Del Vecchio, che lo teneva in grande considerazione. Lo stesso Del Vecchio ha attribuito a Milleri la paternità dell’accordo con Essilor. E quando, dopo un anno di gestione Adil Mehboob-Khan, Del Vecchio tornò al timone, il ruolo di Milleri divenne sempre più significativo. 

Nell'altra pagina: il futuro di Mediobanca e di Generali

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    del vecchio




    
    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...


    motori
    Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

    Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.