A- A+
Economia
Viola in vendita, Tod's in crisi. Un momentaccio per i Della Valle

Non è decisamente un periodo felice per i fratelli Della Valle: i rapporti coi tifosi della Fiorentina sono ai minimi storici al punto che è stato necessario un comunicato stampa per ribadire che "la proprietà della Acf Fiorentina è assolutamente disponibile, vista l'insoddisfazione di parte della tifoseria, a farsi da parte", mettendo la squadra viola "a disposizione di chi voglia acquistarla per poterla poi gestire come ritiene più giusto fare".

Comunicato cui la tifoseria ha subito risposto con l'ennesimo striscione: "15 anni, 0 tituli. Fate festa braccini. Firmato Firenze". Ma al di là della ruggine che ormai esiste tra i Della Valle e i tifosi fiorentini, a giustificare un passo indietro potrebbe essere anche l'andamento non proprio esaltante del business della moda. Tod's, che in borsa oscilla sui 59 euro per azione, registra sì un guadagno di quasi il 25% rispetto a un anno or sono, ma è di un 18% al di sotto dei livelli di soli tre mesi fa (e del 3% rispetto a inizio anno), con una capitalizzazione scivolata sotto la soglia dei 2 miliardi di euro, meno della metà di Salvatore Ferragamo o Moncler, di poco superiore agli 1,6 miliardi di Brunello Cucinelli.

Da allora ad oggi c'è di mezzo una trimestrale deludente che ha portato molti broker a rivedere al ribasso stime e giudizi sul titolo. Hsbc, ad esempio, ha ridotto il prezzo obiettivo da 70 a 60 euro, il proprio "hold" (mantenere) dopo aver limato le stime sugli utili per azione 2017-2019 del 21%-23% per tener di una ripresa dei ricavi più lenta del previsto.

Giudizio analogo da parte di KeplerCheuvreux, che ha ridotto il target price da 64 a 59 euro per azione confermando il proprio "reduce" (ridurre), precisando di attendersi una crescita nulla dei ricavi da qui a fine anno, con le vendite che dovrebbero dunque confermarsi appena sopra il miliardo di euro, mentre l'Ebitda potrebbe risalire leggermente a 185 milioni di euro e il margine sui ricavi di pochissimo, al 18,2% (dopo quattro anni consecutivi di riduzione: il margine era pari al 26% nel 2012).

Raymond James a sua volta ha limato il target da 57 a 56 euro, confermando un giudizio di "underperform" e notando come sebbene Tod's scambi " uno sconto del 13% rispetto al settore del lusso", questo appare "giustificato dalle inferiori prospettive di crescita" del gruppo marchigiano. Conclude l'elenco delle più recenti bocciature quella di Bryan Garnier, che ha tagliato da 63 a 55 euro il prezzo obiettivo e confermato il "sell" (vendere), in attesa della pubblicazione della semestrale, il prossimo 3 agosto. Gli uomini di Garnier, in particolare, si aspettano "un'altra delusione sul fronte dei ricavi e dei margini, con effetti sulle stime per l'intero anno" e per il periodo 2016-2019, tagliate del 15%.

Ma quanto potrebbe valere la Acf Fiorentina? Secondo la seconda edizione dello studio "Football Clubs' Valuation: The European Elite", di Kpmg, la squadra viola è uscita (come accaduto anche al Monaco e al Porto) dal ranking delle 32 squadre di calcio più importanti d'Europa sulla base del valore d'impresa, scivolando al settimo posto tra le italiane, superata dalla Juventus (nona nella classifica Kpmg), dal Milan (15esima), dalla Roma (18esima), dall'Inter (19esima), dal Napoli (20esima) e dalla Lazio (29esima).

Visto che la 32esima squadra della classifica Kpmg, l'Olympique de Marseille, ha un valore stimato tra 160 e 196 milioni di euro (con un valore medio di 187 milioni) e che lo scorso anno la Fiorentina era indicata valere tra 148 e 165 milioni (ossia 156 milioni in media), non è detto in realtà che il suo valore si sia deprezzato e dunque cedendo la società i Della Valle potrebbero sperare di incassare sui 150 milioni.

Abbastanza per recuperare le perdite incamerate in quasi 13 anni di proprietà (149,5 milioni circa) anche se non per ripagare tutti gli investimenti fatti (stimabili in oltre 220 milioni, più una cinquantina come finanziamenti) e certamente inferiore ai 320 milioni messi "nelle casse, di tasca propria" dai Della Valle secondo quanto dichiarò a settembre dello scorso anno il direttore sportivo viola, Daniele Pradè. Conti, tra l'altro, che non comprendono l'ultima stagione, quella appena conclusa. Riusciranno i due fratelli a trovare un acquirente, magari il "solito" cinese, pronto a offrire una valutazione da amatore per la Acf Fiorentina, o dovranno accontentarsi di passare la mano limitando i danni, per tornare poi a concentrarsi sulle loro attività nel settore della moda? Ad investitori e tifosi non resta che attendere.

 

Tags:
della valle
i più visti
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto


casa, immobiliare
motori
Peugeot rinnova la gamma 508

Peugeot rinnova la gamma 508

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.