A- A+
Spettacoli
Agorà, Greco: “Talk show? Sempre odiati. Ma Vespa e il primo Santoro…”

“Da dove riparte Agorà? Intanto la nostra è una trasmissione, un giornale. Una fascia quotidiana di due ore che arriva prima di tutto. Alle otto del mattino. Prima che gli italiani si mettano a leggere i giornali: questo è il nostro principale vantaggio. E quindi abbiamo l’ambizione di raccontare l’Italia che è stata il giorno prima e che sarà nelle ore successive. E’ sempre più un news show, un grande motore sull’attualità. Un giornale con opinioni a confronto, con ancoraggio molto forte sull’attualità. E abbiamo anche l’ambizione di dare una lettura del quotidiano e dei vari giornali”. Il conduttore di Agorà, Gerardo Greco, racconta ad Affari l’evoluzione del suo programma e parla della crisi dei talk show.

Come cambierà in autunno, nella nuova Rai 3 di Daria Bignardi?
“Il nuovo Agorà è molto meno parlato. Già oggi abbiamo più o meno 40 minuti di filmati complessivi. La mia ambizione è di fare un unico film di due ore senza diretta (sorride, ndr)… la cosa non è possibile. Però l’impressione è di continuare a lavorare sul racconto di un’Italia che cambia. Portando per mano lo spettatore e mostrandogli il Paese e le storie sul posto. Per questo abbiamo una fortissima sinergia con Rai News 24 e con la TgR: sono le nostre finestre che si aprono sulla nazione. Il che rende il programma anche un prodotto sperimentale”

Tanto si è detto della crisi dei talk show. Che ne pensa?
“Secondo me è così. Io li ho sempre odiati: vengo da 12 anni di America e nella tv Usa non esiste in natura il talk show. Non c’è un dibattito furioso come in Italia o nei Paesi dell’area mediterranea. Perché? Forse perché i protestanti americani sono in grado di dare un peso particolare alle parole. Se dici una cosa sei inchiodato ad essa. Mentre da noi è tutto più relativo. Però oggettivamente l’idea del parlato che sovrasta sulla realtà a me ha sempre dato fastidio. Infatti, in questi tre anni di Agorà abbiamo cambiata la trasmissione, mirando sempre di più verso il racconto cronachistico dell’attualità e dei fatti”

Nel panorama dei talk ce n’è però qualcuno che le piace di più e che più magari si avvicina al giornalismo all’americana?
“Forse il formato dei faccia a faccia, che è relativamente attuale. Se parliamo di un racconto istituzionale c’è Vespa con Porta a Porta. E poi…”

Poi?
“In Italia la derivazione dei talk show nasce dal racconto del Paese che faceva Michele Santoro. E che tornerà a fare adesso su Rai 2. Però questo è un racconto: complesso e di piazza. Di storie e persone. Piano piano si è snaturato in un 'confronto per il confronto'. Perdendo l’adesione alle piazze, alle storie e alla realtà”.

Clicca qui per la video-intervista integrale di Affari al conduttore di Agorà, Gerardo Greco

Tags:
agorà gerardo grecogerardo greco agoràgreco rai 3





in evidenza
La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport

Nostalgia Masolin

La sua prima volta senza la Formula 1? Cos'ha fatto la star di Sky Sport


in vetrina
Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura

Torna il gelo (dalla Russia) con neve fino in pianura


motori
Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

Opel Corsa Hybrid: un nuovo passo verso l’elettrificazione

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.