A- A+
Spettacoli
Agorà, Greco: “Talk show? Sempre odiati. Ma Vespa e il primo Santoro…”

“Da dove riparte Agorà? Intanto la nostra è una trasmissione, un giornale. Una fascia quotidiana di due ore che arriva prima di tutto. Alle otto del mattino. Prima che gli italiani si mettano a leggere i giornali: questo è il nostro principale vantaggio. E quindi abbiamo l’ambizione di raccontare l’Italia che è stata il giorno prima e che sarà nelle ore successive. E’ sempre più un news show, un grande motore sull’attualità. Un giornale con opinioni a confronto, con ancoraggio molto forte sull’attualità. E abbiamo anche l’ambizione di dare una lettura del quotidiano e dei vari giornali”. Il conduttore di Agorà, Gerardo Greco, racconta ad Affari l’evoluzione del suo programma e parla della crisi dei talk show.

Come cambierà in autunno, nella nuova Rai 3 di Daria Bignardi?
“Il nuovo Agorà è molto meno parlato. Già oggi abbiamo più o meno 40 minuti di filmati complessivi. La mia ambizione è di fare un unico film di due ore senza diretta (sorride, ndr)… la cosa non è possibile. Però l’impressione è di continuare a lavorare sul racconto di un’Italia che cambia. Portando per mano lo spettatore e mostrandogli il Paese e le storie sul posto. Per questo abbiamo una fortissima sinergia con Rai News 24 e con la TgR: sono le nostre finestre che si aprono sulla nazione. Il che rende il programma anche un prodotto sperimentale”

Tanto si è detto della crisi dei talk show. Che ne pensa?
“Secondo me è così. Io li ho sempre odiati: vengo da 12 anni di America e nella tv Usa non esiste in natura il talk show. Non c’è un dibattito furioso come in Italia o nei Paesi dell’area mediterranea. Perché? Forse perché i protestanti americani sono in grado di dare un peso particolare alle parole. Se dici una cosa sei inchiodato ad essa. Mentre da noi è tutto più relativo. Però oggettivamente l’idea del parlato che sovrasta sulla realtà a me ha sempre dato fastidio. Infatti, in questi tre anni di Agorà abbiamo cambiata la trasmissione, mirando sempre di più verso il racconto cronachistico dell’attualità e dei fatti”

Nel panorama dei talk ce n’è però qualcuno che le piace di più e che più magari si avvicina al giornalismo all’americana?
“Forse il formato dei faccia a faccia, che è relativamente attuale. Se parliamo di un racconto istituzionale c’è Vespa con Porta a Porta. E poi…”

Poi?
“In Italia la derivazione dei talk show nasce dal racconto del Paese che faceva Michele Santoro. E che tornerà a fare adesso su Rai 2. Però questo è un racconto: complesso e di piazza. Di storie e persone. Piano piano si è snaturato in un 'confronto per il confronto'. Perdendo l’adesione alle piazze, alle storie e alla realtà”.

Clicca qui per la video-intervista integrale di Affari al conduttore di Agorà, Gerardo Greco

Iscriviti alla newsletter
Tags:
agorà gerardo grecogerardo greco agoràgreco rai 3
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota presenta la nuova Corolla Cross

Toyota presenta la nuova Corolla Cross


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.