A- A+
Spettacoli
Boom Netflix con la docuserie su Wanna Marchi, Stefania Nobile e Do Nascimento

La miniserie Netflix "Wanna" è già un cult: il fenomeno mediatico

 


Netflix fa ancora centro con “Wanna”, una docuserie che coniuga il successo di pubblico – è già un cult – con l'apprezzamento della critica per l'alto livello qualitativo di questo genere di prodotti. Lo stile narrativo è simile a quello di Sanpa”, ma con una sostanziale differenza: se la ricostruzione della vicenda di Vincenzo Muccioli ha portato alla luce fatti e punti di vista poco conosciuti, inevitabilmente dividendo l'opinione pubblica, in questo caso il giudizio sulla condotta dei protagonisti è unanime. 

 

Wanna Marchi, il compagno Francesco Campana, la figlia Stefania Nobile e Mario Pacheco Do Nascimento (passato agevolmente da maggiordomo di Attilio Capra a sedicente “maestro di vita”) sono stati condannati prima dall'opinione pubblica, dopo un'inchiesta di “Striscia di Notizia” che fece ascolti degni della nazionale di calcio, e solo dopo dalla magistratura. “Wanna” non gioca quindi sullo scontro tra colpevolisti e innocentisti, anche perchè la lotta sarebbe impari, e il fatto che le imbonitrici non abbiano mai manifestato alcun pentimento, come dichiarato dai titoli di coda, non fa che cristallizzare la situazione.

Gli elementi di novità, almeno per il grande pubblico, non mancano: dal ruolo svolto dal suddetto Capra, vicino a Marcello Dell'Utri, a quello di una collaboratice che racconta dei suoi contatti con la camorra, l'ipotesi di un "tesoro" occultato ai magistrati e anche quella che il pianto della Marchi di fronte al giudice fosse stato una recita concordata col suo avvocato difensore (che nega sui entrambi i punti).

Tuttavia, non è questo il segreto del fulminante successo del ritorno in tv della leggendaria coppia Wanna Marchi-Stefania Nobile, quando il fatto che nelle sole quattro puntate della miniserie - ottima scelta di format - viene concentrato un cocktail esplosivo di ingredienti. 

Troviamo il rampantismo anni '80 (il substrato culturale dove nasce il personaggio), campioni dell'epoca che spaziano da Roberto da Crema a Joe Denti, il dramma umano delle vittime consumate dalla vergogna per la loro credulità (oltre che dai bonifici), l'aggressività del linguaggio usato con le “grassone” che dovevano comprare i prodotti per dimagrire, il fortissimo legame simbiotico tra madre e figlia (Stefania è l'unica a cui Wanna chiede scusa, proprio per averla legata troppo a se'), l'impresa di una donna che, con la sola licenza elementare, accumula un patrimomio di miliardi di lire, e infine anche il narcisismo sfrenato della telestar, che a un certo punto si convince di essere talmente brava da avere il diritto di vendere a prezzi da gioielleria qualunque prodotto.

Anche quelli di nessun valore. Anche quelli inesistenti. Come la fortuna e i talismani contro il malocchio.

È il suo avvocato a testimoniarlo per la docuserie, spiegando credibilmente la motivazione psicologica dell'assenza di pentimento e la nemesi delle sue assistite, "uccise" metaforicamente dalla tv, che aveva donato loro una vita di celebrità e ricchezza. Una vicenda che, a vent'anni dal clamoroso arresto, colpisce ancora il cuore degli italiani.   


 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    docuseriemaestro di vita do nascimentomago do nascimentonetflixstefania nobilestriscia la notizia 2021wanna marchi





    in evidenza
    Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO

    Vota il sondaggio di Affari

    Chiara Ferragni, Meloni o Bruzzone: chi è? Sono identiche... GUARDA LA FOTO

    
    in vetrina
    Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini

    Affari in rete/ Elezioni Sardegna, Verdini e Kiev: i meme su Meloni-Salvini


    motori
    Jeep conferma la leadership nei SUV in Italia

    Jeep conferma la leadership nei SUV in Italia

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.