A- A+
Esteri
Secolo asiatico? Non è solo secolo cinese. Cresce di più il Sud-Est asiatico

In Asia crescono di più i paesi emergenti della Cina

C'è una rivoluzione pronta a compiersi sul fronte macroeconomico. Secondo un nuovo rapporto della Banca asiatica di sviluppo, il blocco dei Paesi dell’Asia in via di sviluppo nel suo complesso dovrebbe crescere del 4,3% nel 2022, in calo rispetto alla stima del 5,2% di aprile. Ma escludendo la Cina, la regione dovrebbe crescere del 5,3%. E soprattutto, per la prima volta in tre decenni, la crescita della regione asiatica dovrebbe essere più rapida di quella della Cina, rallentata dalla strategia zero Covid. Se davvero come spesso si dice questo sarà il "secolo asiatico", si tratta di un ulteriore segnale che "secolo asiatico" non è solo "secolo cinese".

Secondo un nuovo rapporto della Banca asiatica di sviluppo, la strategia zero Covid della Cina fa sì che quest'anno la sua espansione economica sarà più lenta rispetto al resto dell'Asia emergente per la prima volta in più di tre decenni. In un rapporto aggiornato sull'Asian Development Outlook pubblicato nei giorni scorsi, l'organizzazione ha abbassato le previsioni di crescita della Cina per il 2022 al 3,3% dal 5,0% di aprile. La banca ha anche tagliato la proiezione per il prossimo anno al 4,5% dal 4,8%.

Nell'ambito della sua strategia zero-Covid, la più grande economia della regione ha imposto continui lockdown, che si aggiungono ad altre sfide economiche che la regione deve affrontare. Queste ultime derivano principalmente dalla prolungata invasione dell'Ucraina da parte della Russia, che ha fatto salire l'inflazione globale di cibo e carburante e ha portato le economie avanzate ad aumentare i tassi di interesse.

Sale l'inflazione, ma il Sud-Est asiatico vola

L'ADB prevede un'accelerazione dell'inflazione regionale al 4,5% quest'anno, dal 3,7% previsto in precedenza. L'anno prossimo l'aumento dei prezzi dovrebbe stabilizzarsi al 4,0%, un valore comunque superiore alla precedente previsione del 3,1%. Secondo la banca, l'aumento dell'inflazione dovrebbe intaccare la ripresa dell'Asia meridionale, che quest'anno dovrebbe crescere del 6,5%, anziché del 7,0%. Le previsioni di crescita per l'India, la più grande economia dell'Asia meridionale, sono state ridotte al 7,0%, dal 7,5%, con un'espansione del 7,2% prevista per l'anno prossimo.

Ma ci sono aree che sembrano davvero voler correre. In primis il blocco ASEAN, con le previsioni di crescita del Sud-Est asiatico che per quest'anno sono state alzate al 5,1% dal 4,9%, mentre per il 2023 si prevede un'espansione del 5,0%. Il miglioramento delle previsioni di quest'anno è dovuto al rafforzamento della domanda interna in Indonesia, l'economia più grande del Sud-Est asiatico, per la quale si prevede una crescita del 5,4%, rispetto al 5,0%. Le Filippine sono ora stimate in crescita del 6,5%, anziché del 6,0%.

Il vantaggio del Vietnam

Un ruolo di primo piano in questo scenario lo gioca il Vietnam. Dal 2000, il PIL del Vietnam è cresciuto più velocemente di quello di qualsiasi altro Paese asiatico, ad eccezione della Cina, con una media del 6,2% all'anno. Ha attirato grandi aziende straniere in massa. Ciò che è iniziato con i produttori di abbigliamento alla ricerca di manodopera poco qualificata si è trasformato in un boom dell'elettronica. Nel 2020 l'elettronica rappresenterà il 38% delle esportazioni di beni del Vietnam, rispetto al 14% di una torta molto più piccola nel 2010.

La guerra commerciale tra America e Cina, iniziata nel 2018, ha contribuito. Nel 2019 il Vietnam ha prodotto quasi la metà dei 31 miliardi di dollari di importazioni americane che si sono spostate dalla Cina ad altri Paesi asiatici a basso costo (anche se alcuni di questi beni erano probabilmente solo prodotti cinesi modificati con la dicitura "Made in Vietnam"). Così come i lockdown cinesi hanno spinto molti colossi internazionali a guardare con sempre maggiore interesse verso Hanoi.

Il secolo asiatico sembra destinato a non essere solo un secolo cinese.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    asiacinaeconomia





    in evidenza
    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    MediaTech

    Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

    
    in vetrina
    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

    A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


    motori
    Kia EV9 Illumina la Norvegia con un sole artificiale

    Kia EV9 Illumina la Norvegia con un sole artificiale

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.