A- A+
Esteri
Colombia, arrestato Otoniel Usuga: il nuovo Escobar, trafficante più ricercato

Il trafficante di droga piu' ricercato della Colombia, Dairo Antonio Usuga, noto anche come 'Otoniel', e' stato arrestato. Il consigliere presidenziale Emilio Archila ha elogiato "la cattura a Necocli di Dairo Antonio Usuga, alias 'Otoniel', capo del Clan del Golfo, in un tweet. Il gruppo criminale e' il piu' potente tra i narcotrafficanti colombiani.

La sua cattura del capo segna una grande vittoria per il governo conservatore del presidente Ivan Duque, considerando che il Paese e' il primo esportatore di cocaina al mondo. La Colombia e' il primo fornitore mondiale di cocaina, con gli Stati Uniti come principale mercato, nonostante mezzo secolo di tentativi di reprimere il traffico di droga. Washington aveva offerto una taglia di cinque milioni di dollari per informazioni che portassero all'arresto di Otoniel, che all'eta' di 50 anni e' uno degli uomini piu' temuti della Colombia.

Otoniel ha assunto la guida del Clan del Golfo, precedentemente noto come Clan Usuga, da suo fratello Juan de Dios, ucciso dalla polizia nel 2012. Il Clan e' presente in quasi 300 Comuni del Paese, secondo il think tank indipendente Indepaz. L'organizzazione e' stata sgominata negli ultimi tempi dalle forze di polizia. I pochi suoi esponenti rimasti in liberta', secondo la polizia, sono stati costretti a nascondersi nella giungla senza telefoni. 

Nella sua fase finale, l'operazione Osiris, come era stato battezzato il piano per catturare il narcotrafficante piu' ricercato del Paese, ha visto entrare in azione 500 membri delle forze dell'ordine supportati da 22 elicotteri. Durante il blitz, un poliziotto e' stato ucciso.

Le immagini diffuse dal governo colombiano mostrano Otoniel, stranamente sorridente, vestito di nero, ammanettato e circondato da militari colombiani armati. Il trafficante di droga e' stato preso a Necocli, in una zona rurale nella provincia di Antioquia, vicino al confine con Panama. "Questo e' il colpo piu' duro che e' stato inferto al narcotraffico in questo secolo nel nostro Paese, paragonabile solo alla caduta di Pablo Escobar" ha commentato il presidente colombiano, Ivan Duque, in un messaggio pubblicato sui social network. Pablo Escobar, capo del cartello di Medellin, che controllava fino all'80% del commercio mondiale di cocaina, fu ucciso dalla polizia colombiana nel 1993. Quella per arrestare Otoniel, 50 anni, e' stata "la piu' importante spedizione nella giungla mai vista nella storia militare della Colombia", secondo Duque.

La polizia ha effettuato una vasta operazione satellitare con le agenzie degli Stati Uniti e del Regno Unito, ha spiegato il direttore della polizia, il generale Jorge Vargas, in conferenza stampa. Usuga e' stato trasportato in aereo ieri sera a Bogota', dove e' stato trasferito al quartier generale della polizia sotto pesante scorta. Il Clan del Golfo e' la piu' potente banda di droga della Colombia e l'arresto del suo leader rappresenta il piu' grande colpo che il governo colombiano ha inferto al crimine organizzato nel Paese. 
 

Commenti
    Tags:
    colombiaescobarusuga





    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...

    
    in vetrina
    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

    Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


    motori
    Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

    Luna Rossa Prada Pirelli, parte da Cagliari la sfida per l'America's Cup 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.