A- A+
Esteri
Etiopia, Tplf attacca la regione Amhara: ci sono morti e centinaia di sfollati

Nella regione Amhara, in Etiopia, è in corso una guerra di cui nessuno parla. Quello che sta succedendo è tragico. Il Tplf, Tigray People's Liberation Front, o TDF, Tigray Defense Forces
come si chiama il braccio armato del partito, attacca e uccide i civili, senza risparmiare anziani e bambini. Si bruciano gli animali e le materie prime per impoverire ancor di più gli agricoltori, già provati dalla guerra scoppiata a novembre. È come se il Tplf stesse combattendo una battaglia medioevale, attaccando la popolazione più debole e indifesa, bombardando dall’alto delle montagne i villaggi”. 

Così dice ad Affaritaliani una donna tigrina che mantiene l’anonimato, originaria di Gondar, stanca del silenzio sulla brutalità del conflitto che, dal Tigray, è arrivato nella regione Amhara.  
“Sta succedendo il peggio”, continua la testimone, “Amhara è una grande regione dell’Etiopia centro settentrionale, impossibile da controllare completamente. I miliziani TDF per attaccare e non essere attaccati dall’esercito federale e dalle milizie Amhara hanno fatto barriere umane con donne e, soprattutto, bambini.

Ne prendono tantissimi, anche cinquemila, seimila persone. Svuotano piccoli villaggi che non possono essere protetti perché l’esercito non può sparare contro i civili messi a fare da scudo. Un bambino è stato trovato dai nonni con addosso il sangue dei genitori, neanche trentenni, morti entrambi. Queste sono le notizie che arrivano dalle televisioni locali e dai parenti”.  

In questi giorni è giunta anche la notizia degli eccidi nel villaggio di Chena, vicino alla città di Dabat. Qui sono stati uccisi almeno 120 civili, ma il numero, purtroppo, non è definitivo, molti non si trovano. Gli sfollati nella regione Amhara sono adesso oltre centomila. In rete arrivano le immagini delle tombe di Chena.

Lunghe file di sassi e rami verdi, tombe per piangere le molte vittime civili della brutalità del Tplf. 
 Ma cosa sta accadendo in Etiopia dopo l’attacco del 4 novembre scorso al deposito di armi nazionale della Caserma Nord? Il Tigray People's Liberation Front che rappresenta l’etnia minoritaria tigrina, rimasta al potere dal 1991 al 2018, non ha di fatto accettato il cessate il fuoco unilaterale, deciso dal governo per motivi umanitari. Una tregua che coincide con la stagione delle piogge, che terminerà a fine settembre. 

etiopiaEtiopia, Chena, la cittadina della regione Amhara confinante con il Tigray, nella quale è in atto il conflitto
 

 

Il timore espresso da molti analisti, era che proprio tale tregua potesse indurre il Tplf ad attaccare. E così è accaduto. Non verso Addis Abeba, come dichiarato dai leader del Fronte alla ripresa trionfalistica del capoluogo Mekellè, ma verso regioni limitrofe, quella Amhara e Afar. 
Del resto l’attrito tra le due regioni, Tigray e Amhara ha radici storiche.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
etiopiatigray





in evidenza
Prime lancia lo spin-off di Lol "Angioni futuro della comicità"

L'intervista ai tre giudici

Prime lancia lo spin-off di Lol
"Angioni futuro della comicità"


in vetrina
Gioseppo Woman lancia la nuova adv: lo spot con la bellissima Elsa Pataky

Gioseppo Woman lancia la nuova adv: lo spot con la bellissima Elsa Pataky


motori
Nuova MINI John Cooper Works Countryman: prestazioni e stile al top

Nuova MINI John Cooper Works Countryman: prestazioni e stile al top

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.