A- A+
Esteri
Europa in recessione, la Russia sta in piedi. Putin si paga anche le armi

Le sanzioni non affossano la Russia, Putin può anche mantenere la spesa militare

La Russia resta in piedi. Le sanzioni occidentali non sono riuscite né sembra possano riuscire a farla crollare. Certo, i problemi ci sono. Le sanzioni occidentali, lanciate in risposta all'invasione dell'Ucraina da parte di Vladimir Putin, hanno danneggiato le prospettive a lungo termine della Russia. Il blocco della nona economia mondiale dall'accesso alle tecnologie e alle competenze straniere ha ridotto il suo potenziale di crescita fino alla metà, secondo le previsioni.

La produzione di petrolio e gas, la linfa vitale dell'economia russa, è inferiore di circa il 3% rispetto a prima dell'invasione e potrebbe diminuire ulteriormente una volta che gli embarghi europei entreranno in vigore a fine anno. Nei primi sei mesi di guerra, tra i 250.000 e i 500.000 russi sono fuggiti dal Paese, secondo Liam Peach della società di consulenza Capital Economics. Molti erano altamente istruiti e ben pagati.

La recente decisione di Putin di lanciare una mobilitazione parziale ha inferto un ulteriore colpo all'economia. Ha provocato una piccola corsa agli sportelli bancari, in quanto la gente è di nuovo preoccupata per il futuro del Paese. Secondo le nostre stime, a settembre i russi hanno ritirato 14 miliardi di dollari di depositi in rubli, circa un terzo rispetto a febbraio. Altri 300.000 russi circa sono probabilmente fuggiti. Un'ulteriore riduzione della forza lavoro sta aggravando la carenza di manodopera e quindi l'inflazione. L'inflazione globale è in netto calo rispetto al suo picco, ma la pressione sui prezzi nel settore dei servizi ad alta intensità di lavoro sta peggiorando.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
europaputinrecessionerussia





in evidenza
Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"

Culture

Harry Potter, la scrittrice contro gli attori: "Fanno il tifo per i minori trans"


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."


motori
La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

La Formula 1 conferma due appuntamenti cruciali nel calendario 2025 con i Gran Premi di Imola e Monza

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.