A- A+
Esteri
FMI, la Libia in pole position nella crescita post pandemia
Mario Draghi in visita in Libia
(fonte Lapresse )

Il fiuto di Mario Draghi per la finanza, l’economia e per tutto quello che ha a che fare con il danaro è stato ancora una volta confermato dal suo primo viaggio come Premier. Un viaggio inaspettato ma importante in Libia.

Perchè importante e strategico dal punto di vista del business?

Perchè , secondo il Fondo Monetario Internazionale, la Libia, paese con le maggiori riserve di petrolio in Africa sarà quello che crescerà di più in questo 2021. E insieme alla Libia anche Macao avrà una crescita sorprendente post pandemia.

Nel caso della Libia, il PIL aumenterà del 131%, il doppio del 2020. A Macao, il rimbalzo sarà del 61,2%.

Entrambi i territori si stanno riprendendo dopo una crisi pesantissima: la Libia, con sette milioni di abitanti, è da anni una polveriera alle porte dell'Europa. La sua economia è scesa di quasi il 60%. La regione amministrativa cinese di Macao invece, con 640.000 abitanti, è stata vittima della pandemia in quanto totalmente dipendente dal turismo. Il suo crollo è stato del 56,3%, da paese in guerra.

In Libia ci si sta avvicinando alle elezioni che sono, in quel paese, ancora un grande punto di domanda. Mentre a Macao il peggio sembra essere passato: i profitti da gioco infatti sono aumentati del 58% a marzo rispetto all'anno precedente, grazie ai numerosi cinesi ammalati di fiches e liberati dalle restrizioni.

I numeri del Fondo monetario internazionale prevedono per il mondo una crescita vigorosa a breve termine, del 6% nel 2021 e del 4,4% nel 2022, ma con una ripresa ha più velocità.

"Molto resta ancora da fare per superare la pandemia e prevenire un aumento persistente della disuguaglianza all'interno di ogni paese e la divergenza del reddito pro capite tra le economie". Libia e Macao sono il volto della ripresa, e paesi come il Venezuela lo sono invece per la totale crisi.

Il FMI stima che l’economia disastrata venezuelana  si contrarrà ancora di un altro 10% nel 2021, diventando il “black hole” dell'America Latina e dei Caraibi, che invece crescerà del 4, 6 %.

Misurare la performance dell'economia venezuelana non è facile a causa delle informazioni incomplete fornite dalle autorità, degli effetti dell'iperinflazione che affligge il Paese e delle difficoltà di capire a quanto ammonta il suo debito reale.

In una situazione analoga, anche se per ragioni diverse sta la Siria, con milioni di cittadini sfollati, in fuga dalla guerra.

I paesi che chiuderanno con il segno meno sono una minoranza: tra questi, oltre a Venezuela e Palau, le isole oceaniche di Tonga, Samoa, Micronesia e Isole Marshall; l'ermetica Bielorussia, controllata con pugno di ferro da Aleksander Lukashenko e le isole caraibiche di Antigua e Barbuda.

La ripresa sarà solida in molti paesi, ma non saranno molti a crescere a due cifre. Tra questi l'India che vedrà il suo PIL aumentare del 12,5% quest'anno e del 6,9% il prossimo, superiore alla crescita della Cina (8,4% e 5, 6%) con un ritorno alla normalità da una soglia più alta rispetto ai paesi sviluppati.

Il suo slancio rende i paesi inclusi nella categoria "Asia emergente" quelli che cresceranno di più quest'anno (8,6% dopo un calo dell'1% nel 2020), al di sopra del 6,4% degli Stati Uniti (sceso del 3,5% lo scorso anno ) o del 4,4% per l'area dell'euro (dopo un calo ancora maggiore del 6,6%).

Commenti
    Tags:
    libiamario draghicrescitapandemiafmimacao.cinastati unitiindia





    in evidenza
    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    Politica

    Lavoro forzato al capolinea: c'è il divieto Ue di vendere merce prodotta con lo sfruttamento

    
    in vetrina
    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"

    Djokovic re del tennis e del vino: "Produciamo syrah e chardonnay"


    motori
    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Citroen nuovo Berlingo, nato per facilitare la vita quotidiana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.