A- A+
Esteri
FMI, la Libia in pole position nella crescita post pandemia
Mario Draghi in visita in Libia
(fonte Lapresse )

Il fiuto di Mario Draghi per la finanza, l’economia e per tutto quello che ha a che fare con il danaro è stato ancora una volta confermato dal suo primo viaggio come Premier. Un viaggio inaspettato ma importante in Libia.

Perchè importante e strategico dal punto di vista del business?

Perchè , secondo il Fondo Monetario Internazionale, la Libia, paese con le maggiori riserve di petrolio in Africa sarà quello che crescerà di più in questo 2021. E insieme alla Libia anche Macao avrà una crescita sorprendente post pandemia.

Nel caso della Libia, il PIL aumenterà del 131%, il doppio del 2020. A Macao, il rimbalzo sarà del 61,2%.

Entrambi i territori si stanno riprendendo dopo una crisi pesantissima: la Libia, con sette milioni di abitanti, è da anni una polveriera alle porte dell'Europa. La sua economia è scesa di quasi il 60%. La regione amministrativa cinese di Macao invece, con 640.000 abitanti, è stata vittima della pandemia in quanto totalmente dipendente dal turismo. Il suo crollo è stato del 56,3%, da paese in guerra.

In Libia ci si sta avvicinando alle elezioni che sono, in quel paese, ancora un grande punto di domanda. Mentre a Macao il peggio sembra essere passato: i profitti da gioco infatti sono aumentati del 58% a marzo rispetto all'anno precedente, grazie ai numerosi cinesi ammalati di fiches e liberati dalle restrizioni.

I numeri del Fondo monetario internazionale prevedono per il mondo una crescita vigorosa a breve termine, del 6% nel 2021 e del 4,4% nel 2022, ma con una ripresa ha più velocità.

"Molto resta ancora da fare per superare la pandemia e prevenire un aumento persistente della disuguaglianza all'interno di ogni paese e la divergenza del reddito pro capite tra le economie". Libia e Macao sono il volto della ripresa, e paesi come il Venezuela lo sono invece per la totale crisi.

Il FMI stima che l’economia disastrata venezuelana  si contrarrà ancora di un altro 10% nel 2021, diventando il “black hole” dell'America Latina e dei Caraibi, che invece crescerà del 4, 6 %.

Misurare la performance dell'economia venezuelana non è facile a causa delle informazioni incomplete fornite dalle autorità, degli effetti dell'iperinflazione che affligge il Paese e delle difficoltà di capire a quanto ammonta il suo debito reale.

In una situazione analoga, anche se per ragioni diverse sta la Siria, con milioni di cittadini sfollati, in fuga dalla guerra.

I paesi che chiuderanno con il segno meno sono una minoranza: tra questi, oltre a Venezuela e Palau, le isole oceaniche di Tonga, Samoa, Micronesia e Isole Marshall; l'ermetica Bielorussia, controllata con pugno di ferro da Aleksander Lukashenko e le isole caraibiche di Antigua e Barbuda.

La ripresa sarà solida in molti paesi, ma non saranno molti a crescere a due cifre. Tra questi l'India che vedrà il suo PIL aumentare del 12,5% quest'anno e del 6,9% il prossimo, superiore alla crescita della Cina (8,4% e 5, 6%) con un ritorno alla normalità da una soglia più alta rispetto ai paesi sviluppati.

Il suo slancio rende i paesi inclusi nella categoria "Asia emergente" quelli che cresceranno di più quest'anno (8,6% dopo un calo dell'1% nel 2020), al di sopra del 6,4% degli Stati Uniti (sceso del 3,5% lo scorso anno ) o del 4,4% per l'area dell'euro (dopo un calo ancora maggiore del 6,6%).

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    libiamario draghicrescitapandemiafmimacao.cinastati unitiindia
    in evidenza
    Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

    Come sarà il weekend

    Ciclone al Sud, sole al Nord
    Il meteo divide l'Italia in due

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Auto Europa 2022, Qashqai è la vettura più votata dalla Giuria Popolare.

    Auto Europa 2022, Qashqai è la vettura più votata dalla Giuria Popolare.


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.