A- A+
Esteri
Gabon, il golpe altra mazzata per Macron. Il Sud globale si lega a Putin e Xi
Macron e il presidente destituito del Gabon

Africa, il colpo di Stato in Gabon altra pietra tombale sulla Françafrique

La Francia e l'Africa, una relazione che sembra destinata al viale del tramonto. O forse più in generale, sul viale del tramonto rischia di finirci proprio tutta la relazione tra l'Africa e l'occidente. Dopo il Niger, anche il Gabon è stato teatro di un golpe militare. Due storie molto diverse, ma con un tratto in comune: i legami tra il continente e l'Europa sono in deterioramento. 

Il colpo di Stato arriva come reazione alle elezioni di sabato scorso, in cui la commissione elettorale nazionale ha dichiarato Bongo vincitore con due terzi dei voti. Tuttavia, il suo principale rivale politico, Albert Ondo Ossa, ha affermato che le elezioni sono state oggetto di brogli per mantenere Bongo al potere. Il candidato dell'opposizione ha utilizzato i social media mentre le votazioni erano ancora in corso per denunciare che le elezioni erano state intenzionalmente disorganizzate dal governo, con molti seggi elettorali privi di schede elettorali con il suo nome.

Poco dopo i suoi commenti, l'accesso a Internet in Gabon è stato limitato per contrastare la diffusione di "false informazioni", ha dichiarato il ministro delle Comunicazioni Rodrigue Mboumba Bissawou, mentre è stato imposto il coprifuoco. Anche l'accesso ai canali d'informazione francesi è stato limitato per una presunta "mancanza di obiettività", mentre Reporter senza frontiere ha dichiarato che il governo gabonese ha rifiutato ai giornalisti stranieri l'accreditamento per coprire le elezioni.

I rapporti tra il destituito Bongo e Parigi sono infatti storici. Ed Emmanuel Macron li ha persino rafforzati, ricevendo peraltro all'Eliseo il leader del Gabon negli scorsi mesi. L'opposizione francese si è subito scagliata contro il presidente, con Jean-Luc Melenchon che ha accusato Macron di "compromettere" la Francia per i suoi rapporti con alcuni uomini forti del continente, che uno dopo l'altro sembrano cadere.

Bongo è al potere dal 2009, ma prima di lui per oltre 40 anni c'era stato il padre Omar a guidare il paese. Bongo Senior, presidente dal 1967 fino alla sua morte nel 2009, ha sostenuto finanziariamente tutti i partiti francesi al potere. In primo luogo, a destra, aiutò Valéry Giscard d'Estaing, dal quale si allontanò nel 1977, all'epoca del caso dei diamanti di Bokassa. Poi, François Mitterrand. Nel 1990, Mitterrand inviò soldati francesi in Gabon dopo che i dipendenti della compagnia petrolifera Elf furono presi in ostaggio. Gli autori di questa presa di ostaggi hanno chiesto il rovesciamento del governo. All’epoca il capo di Stato francese salvò il regime. Jacques Chirac e Nicolas Sarkozy hanno perpetuato questi rapporti interessati. Nel 2009, Nicolas Sarkozy andò persino al funerale di Omar Bongo.

Hollande è stato il primo presidente francese a non effettuare una visita ufficiale in Gabon,  Macron è invece apparso bel paese lo scorso marzo per iniziare il suo tour africano, pur con minore appoggio che in passato al sistema politico al potere. Ora Parigi è praticamente costretta a condannare il golpe, anche se rispetto al Niger, in Gabon ci sono serissimi dubbi sulla regolarità delle elezioni che hanno laureato Bongo leader per l'ennesima volta.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
africacinafranciagabonmacronmalinigerrussia





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO


motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.