A- A+
Esteri
Gazprombank, vicepresidente scappa dalla Russia per combattere con l'Ucraina
Igor Volobuev, vicepresidente di Gazprombank fugge e si arruola con le forze ucraine

Gazprombank, vicepresidente scappa da Mosca e si unisce alla resistenza ucraina. "Non potevo piu' stare in Russia"

Il vicepresidente di Gazprombank Igor Volobuev ha lasciato la Russia per l'Ucraina dove ha dichiarato che si unira' ai ranghi della difesa contro le truppe di Mosca. In un'intervista al sito The Insider, il manager ha ricordato di essere originario di Akhtyrka, nella regione di Sumy, e di aver deciso di tornare in Ucraina per difendere la sua patria.

"Non potevo piu' stare in Russia. Sono originario dell'Ucraina, non potevo piu' osservare dall'esterno cosa sta facendo la Russia alla mia patria. Voglio rimanere in Ucraina fino alla vittoria", ha detto Volobuev, che ha definito l'aggressione della Russia contro l'Ucraina un crimine di guerra.

Gazprombank, Volobuev mette in dubbio il suicidio dell'ex primo vice presidente di Gazprombank, Avaev

Volobuev mette anche in discussione il "suicidio" dell'ex primo vice presidente di Gazprombank, Avaev, trovato morto a Mosca con la moglie e la figlia (pochi giorni prima della morte in Spagna dell'ex top manager di Novatek, Sergei Protosenya, anche lui morto con la moglie e la figlia, ndr). "Al momento del suo presunto suicidio, era ancora primo vice presidente di Gazprombank. Non credo che fosse capace di uccidere la sua famiglia. Penso che sia stata una messa in scena. Perché? E' difficile da dire. Potrebbe aver saputo qualcosa. Avrebbe potuto essere una minaccia".

Guerra Russia Ucraina, quattro top manager russi hanno lasciato il Paese

E' almeno il quarto alto dirigente di società russe ad aver abbandonato il Paese dopo l'inizio della guerra, dopo l'ex primo vice presidente di Sberbank, Lev Khasis, la ceo di Yandex Elena Bunina e il vice Ceo di Aeroflot, Andrei Panov. Aveva lasciato la Russia lo scorso marzo anche l'inviato per il Clima del Cremlino, Anatoly Chubais. Volobuev, che ha 50 anni, è stato licenziato dopo aver lasciato il Paese, dopo una intera carriera trascorsa a lavorare con società del gruppo Gazprom dove si è occupato, nella direzione pubbliche relazioni, di denigrare il sistema di gasdotti che attraversano l'Ucraina con i clienti europei. "Questo crimine è commesso da Putin, dal governo russo, e anche dai russi. Non è Putin a uccidere gli ucraini, a saccheggiare le loro case, stuprare le donne in Ucraina. Sono i russi. E anche se sono di origine ucraina, anche io ne sono responsabile. Mi vergogno perché la mia responsabilità è doppia: non solo sono un russo, ma sono nato in Ucraina dove sono vissuto per 18 anni".

Leggi anche: 

"Cdx unito alle Politiche? Non scontato". Fratelli d'Italia avverte Lega e Fi

Cdx, "Berlusconi e Salvini provano a stare insieme per superare Meloni"

Mps, aumento da almeno 2,5 mld. Così a Siena si aprono nuovi scenari

Terza guerra mondiale? GB: si può colpire suolo russo. Mosca minaccia la Nato

Johnny Depp voleva bruciare viva Amber Heard. “Non è vero: io sono la vittima"

Guerra in Ucraina, caccia russo abbattuto: le immagini spettacolari. VIDEO

Terna, con Tyrrhenian Lab investe sulle competenze del futuro

Caro materiali, Dott.ssa De Sanctis: “Cantieri a rischio fermo totale"

Fondo Impresa Femminile, Giorgetti: "Portiamo avanti le pari opportunità"

Commenti
    Tags:
    gazprombankguerra russia ucraina





    in evidenza
    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    De Filippi furiosa in tv

    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    
    in vetrina
    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


    motori
    CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

    CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.