A- A+
Economia
Mps, aumento da almeno 2,5 mld: così a Siena si aprono nuovi scenari

Lo Stato è il principale azionista di Mps con una quota del 64,2%

 

Un nuovo aumento di capitale da almeno 2,5 miliardi per Monte dei Paschi di Siena: è quanto ha annunciato il ministro dell’Economia Daniele Franco annunciando che l’operazione dovrà essere completata entro il 2022, prima di una vendita dell’istituto a chiunque sia disposto ad accollarsi la banca più antica d’Europa.

È bene ricordare che lo Stato è il principale azionista di Mps con una quota del 64,2% e che quindi se dovesse rendersi necessaria un’ulteriore iniezione di liquidità, questa non potrebbe costare meno di 1,6 miliardi agli italiani. Non esattamente una bella prospettiva, se si pensa che i governi hanno sempre teso più di una mano al Monte, iniettando oltre 5,4 miliardi di euro e comprando quote di stock di Npe tramite Amco per diversi miliardi. Non basta: la banca necessita anche di una cura “ricostituente” che la renda appetibile, un po’ come successo per le quattro banche e per Carige.

Che Mps debba essere ceduta è un dato di fatto arcinoto. L’operazione doveva essere completata entro la fine del 2021, poi la situazione difficile originata da pandemia e crisi delle materie prime ha permesso all’Italia prima di guadagnare qualche settimana, poi di ottenere un vero e proprio rinvio dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Ma è ovvio che non si possa andare avanti all’infinito. Dopo il mancato accordo con Unicredit, ora sembra che per il Monte si aprano diverse possibilità. La prima è quella che porta proprio in Piazza Gae Aulenti, con Andrea Orcel che, dopo l’improvvisa salita di Crédit Agicole (al 9,2%) e di Jp Morgan (al 6,47%) deve decidere che cosa fare. Il “Cristiano Ronaldo dei banchieri" è stato portato a peso d’oro a Milano per far decollare i conti di Unicredit – missione compiuta – ma anche per insidiare la dimensione sempre più elefantiaca di Intesa Sanpaolo. E qui ancora non ci siamo.

Possibile che Orcel e Draghi tornino a sedersi l’uno di fronte all’altro? In realtà, si tratterebbe di una prima volta, visto che la trattativa non è mai arrivata a mettere da una parte del tavolo il banchiere e dall’altra il premier. Ma non è l’unica possibilità per Mps.

Un’altra voce insistente parla di un Crédit Agricole “pigliatutto” pronto a consolidare il business in Bpm e, al tempo stesso, vogliosa di guardare in casa di Siena per capire se ci sia la possibilità di sviluppare nuove sinergie. La terza ipotesi, invece, è quella – al momento più remota – di una triangolazione Bper-Popolare di Sondrio-Mps per la creazione di un terzo polo molto radicato sul territorio.

Infine, lo stesso Daniele Franco non ha escluso il “papa straniero”, inteso come una banca che venga a Siena pronto a mettere sul piatto… quanto? Il valore azionario è attualmente di 883 milioni di euro. Naturale pensare che si debba trovare una soluzione che accontenti tutte le istanze. Quelle della conservazione dell’occupazione – dopo il piano di esuberi messo a punto – e della territorialità dell’istituto senese.

Davvero Franco non è a conoscenza della presenza di ulteriori candidati? Non si sa, quello che è certo è che, specie nel momento storico che stiamo vivendo, con le imprese e le famiglie che necessitano di maggiore sostegno, non c’è più grande voglia di vedere cifre notevoli confluire nelle casse di Siena.

 

 

 

Leggi anche: 

25 Aprile: tutte le differenze tra la Resistenza italiana e quella ucraina

"Fuori il Pd", "Letta servo della Nato": clamorosa spaccatura a sinistra

Centrodestra, Meloni, Salvini o Berlusconi? Con chi stai? Vota

Massimo Cacciari: "La Francia insegna, Meloni e Salvini non vinceranno mai"

Borsa, Parigi festeggia Macron ma in Ue è allarme rosso: crollano gli indici

Russia, nel 2023 arriva il rublo digitale: che cos'è il CBDC di Putin

Processo Johnny Depp-Amber Heard: la smentita e il vantaggio dell'attore

"Bella ciao" e bandiere della pace, i festeggiamenti per il 25 Aprile a Piazza Miani a Milano. VIDEO

Aeroporti di Roma sempre più “circolare” con il Gruppo Hera

Il Gruppo FS Italiane al fianco della Race for the Cure 2022

A Bari torna Expolevante: dedicato un intero padiglione a Externa

Commenti
    Tags:
    mps aumento di capitale




    
    in evidenza
    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

    Le foto

    Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
    Matrimonio in vista? Quell'anello...


    motori
    Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

    Nuovo PEUGEOT E-3008 conquista il Red Dot Design Award 2024

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.