A- A+
Esteri
Germania: Merkel, elezioni anticipate meglio di un Governo di minoranza

"Le elezioni anticipate? Meglio della formazione di un Governo di minoranza". E' il pensiero del cancelliere tedesco Angela Merkel espresso al termine del fallimento delle trattative per la "coalizione Giamaica" in Germania tra Cdu, Csu, Liberali e Verdi. Per la Merkel "le elezioni anticipate sono un'opzione percorribile", mentre "un esecutivo di minoranza è una strada da valutare molto attentamente" per un Paese "chiamato a fronteggiare numerose sfide". Tuttavia, Merkel ha aggiunto di essere "molto scettica", ma di non volere escludere a priori una simile opzione, in attesa "degli sviluppi dei prossimi giorni". Nel frattempo, il numero uno del partito social-democratico tedesco, Martin Schultz, ha confermato di non essere disposto a entrare in trattative per una nuova Grande Coalizione con la Cdu.

schulz merkel 733635
 

Così, a poco meno di due mesi dal voto, la Germania è senza Governo. La causa dell'interruzione delle trattative e' stata il rifiuto da parte dei Liberali di far parte della coalizione, rendendo quindi impossibile il raggiungimento di una maggioranza in Parlamento. Dopo aver appreso del fallimento delle trattative, il presidente tedesco, Frank-Walter Steinmeier, ha pero' affermato di non essere pronto a indire nuove elezioni nei prossimi giorni e ha invitato i partiti politici a trovare un compromesso. "Costruire un Governo e' sempre stato un processo difficile in cui si deve dare e avere, ma il mandato di formarne uno e' forse il piu' alto compito dato dagli elettori a un partito in una democrazia. E questo mandato rimane", ha dichiarato Steinmeier al termine di un incontro con la cancelliera Merkel.

"Questo - ha proseguito - e' il momento in cui tutti partecipanti hanno bisogno di riconsiderare il loro atteggiamento. Tutti i partiti politici eletti in Parlamento hanno un obbligo verso il comune interesse di servire il Paese". Steinmeier ha successivamente ribadito di attendersi "da parte di tutti una disponibilita' a parlare per rendere possibile un accordo per un Governo nel prossimo futuro". Lo stallo politico tedesco ha avuto inizio ieri, quando il leader liberale, Christian Lindner, ha abbandonato il tavolo a cui sedevano Cdu, Csu e Verdi. "Purtroppo non abbiamo potuto completare i colloqui esplorativi", ha spiegato. I negoziati per la composizione di una coalizione sono iniziati il 18 ottobre scorso e, dopo le elezioni del 24 settembre, la convinzione comune era quella di riuscire a trovare un'intesa entro il 16 novembre. Cdu e Csu attualmente possono contare su 246 seggi su 709.

merkel piange ape
 

I Liberali ne hanno 80, mentre i Verdi 67. La Spd, il secondo maggiore partito del Paese, ha gia' da tempo escluso la sua partecipazione ad un Governo di coalizione. "Agli elettori tedeschi dovrebbe essere data l'opportunita' di rivalutare la situazione politica dopo il fallimento dei colloqui per la formazione di un Governo", ha affermato in conferenza stampa Schulz. "L'Spd - ha proseguito - non ha timore di nuove elezioni". E' principalmente sulla questione dell'immigrazione che le trattative, durate oltre un mese, fra i conservatori della cancelliera (Cdu-Csu), i liberali (Fdp) e gli ecologisti si sono arenate. In particolare sull'accoglienza di più di un milione di richiedenti asilo dal 2015.

IMMIGRAZIONE
I cristiani democratici (Cdu) di Merkel, il loro alleato bavarese Csu e i liberali ambivano infatti ad una politica restrittiva con un tetto massimo di 200.000 rifugiati autorizzati all'anno. Merkel aveva in effetti finito per cedere il mese scorso alla sua destra accettando di limitare il numero annuale di richiedenti asilo. I Verdi chiedevano un approccio più morbido e una ripresa l'anno prossimo dei ricongiungimenti familiari per tutti i rifugiati. Attualmente solo coloro che ottengono l'asilo per persecuzioni religiose ne beneficiano. Questa possibilità è stata congelata l'anno scorso fino al marzo 2018 per i rifugiati in fuga da zone di guerra, come i siriani, perché questi dispongono solo di uno status temporaneo di un anno, rinnovabile in funzione dell'evoluzione della situazione nel loro Paese d'origine. Una protezione detta "sussidiaria". Un compromesso sulla questione non è stato trovato, come sottolinea Le Figaro.

EMISSIONI DI CO2
I partiti poi non sono arrivati ad una intesa su come il Paese dovrà ridutre le emissioni di C02 per raggiungere i suoi obiettivi. Tutti concordano sulla necessità di ridurre la parte di elettricità prodotta dal carbone. Ma per i Verdi la Germania non riuscirà ad ottemperare ai suoi obiettivi senza chiudere immediatamente le 20 centrali a carbone più vecchie del Paese. Ma per Fdp e Csu equivale ad un "suicidio industriale" in Germania come dichiarato dal deputato europeo liberale Alexander Lambsdorff. Inoltre vogliono più sgravi fiscali per i veicoli verdi. E i partiti dissentono anche sull'entità delle restrizioni da applicare ai veicoli diesel in città.

(Segue...)

Tags:
germania: merkelelezioni anticipate meglio di governo minoranza
in evidenza
Paola Ferrari in gol, sulla barca "Niente filtri". Che bomba, foto

Sport

Paola Ferrari in gol, sulla barca
"Niente filtri". Che bomba, foto

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19

Jeep, RAM e FIAT insieme a (RED) per combattere AIDS e COVID-19


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.