A- A+
Esteri
Russia, giornalista in diretta tv con un cartello: "No guerra". Sparita

Russia, giornalista dell'emittente televisiva Primo Canale mostra un cartello contro la guerra in Ucraina in diretta tv

La giornalista dell'emittente televisiva russa "Primo Canale", Marina Ovsjannikova, ha mostrato un cartello contro la guerra durante la diretta del programma informativo "Vremja", ieri sera. Secondo il leader dell'associazione a difesa dei diritti umani Agora', Pavel Chikov, la donna e' stata detenuta e si trova nella stazione di polizia di Ostankino a Mosca.

In base a fonti nelle forze dell'ordine del quotidiano economico "Kommersant", Ovsyannikova e' stata arrestata da funzionari del ministero dell'Interno del distretto nord-orientale della capitale russa. La giornalista, prima di compiere il gesto di protesta, aveva registrato un videomessaggio in cui condannava l'operazione militare in Ucraina, "un crimine la cui responsabilità ricade solo su un uomo, Vladimir Putin". ed esprimeva la speranza che "i due popoli fratelli possano ancora riconciliarsi". 

Nel frattempo, il sito dissidente bielorusso Belsat, riportando fonti russe, scrive che "dopo 10 ore gli avvocati non sono ancora riusciti a trovare Marina Ovsyannikova". La Ovsyannikova - che ha ricordato di avere un padre ucraino e una madre russa - ha ammesso di "vergognarsi" per aver lavorato per la tv russa negli ultimi anni "portando avanti la propaganda del Cremlino, permettendo alla gente di mentire dagli schermi televisivi e trasformando in zombie il popolo russo". Dopo avere ricordato come i russi hanno taciuto nel 2014, in occasione dell'annessione forzata della Crimea, e davanti all'avvelenamento di Navalny, la giornalista riconosce che "l'intero mondo ci ha voltato le spalle e non basteranno dieci generazioni di nostri discendenti per lavare le nostre mani da questa guerra fratricida".

Una dei legali, Anastasia Kostanova, ha riferito a Bbc Russian di "aver passato tutta la notte a cercare" la giornalista. "Ciò significa che la stanno tenendo nascosta dai suoi avvocati e stanno cercando di privarla dell'assistenza legale e, a quanto pare, stanno cercando di preparare l'accusa più rigorosa", ha precisato. Un altro avvocato, Pavel Chikov, ha fatto sapere su Twitter di non essere riuscito a trovarla. "Marina Ovsyannikova non è stata ancora trovata. È stata arrestata da oltre 12 ore", ha riferito.

 

Leggi anche: 

" Russia-Ucraina, fermate queste elites mondiali, stanno portando l'umanità alla distruzione

Guerra, benzina oltre 3 euro al litro e scaffali vuoti. Gli effetti in Italia

Guerra Ucraina? Anche in comunicazione, tra armi cinesi e laboratori biologici

Bonus energia: aiuti da 15mila euro di Isee in giù. Come funziona. I dettagli

M5s, Conte torna? Subito nuovi ricorsi. L'avvocato Borré pronto a rilanciare

Belen e Stefano De Martino sono tornati insieme: la conferma in un video

Sean Penn a Ctcf: "Zelensky la mia più grande ispirazione"

“Drive” di Daniel Pink: cosa guida davvero la motivazione nel lavoro

Enel, “Energie per Crescere” ha già interessato 700 giovani candidati

Mipel, al via la 121esima edizione della fiera dedicata alla pelletteria

Commenti
    Tags:
    guerra russia ucraina





    in evidenza
    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    Guarda le immagini

    Al via le riprese del primo docufilm sulla vita privata di Alberto Sordi

    
    in vetrina
    Meteo: freddo a ripetizione. Weekend gelido con neve

    Meteo: freddo a ripetizione. Weekend gelido con neve


    motori
    Renault Lancia rnlt©, il nuovo concept di vendita

    Renault Lancia rnlt©, il nuovo concept di vendita

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.