A- A+
Esteri
Groenlandia al voto: in gioco la svolta mineraria e l'indipendenza

Groenlandia al voto: in gioco lo sfruttamento minerario e l’autonomia

La Groenlandia, isola nel mare glaciale artico e regione amministrativa della Danimarca, apre oggi i seggi per le elezioni parlamentari. Appuntamento decisivo il futuro del territorio, diventato ormai un punto strategico importante per il controllo delle rotte artiche, sia dal punto di vista economico che geopolitico. 

Il tema dominante e' un progetto minerario di terre rare che puo' diversificare l'economia dell'isola piu' grande del mondo (quattro volte la superficie dell'Italia) che i cambiamenti climatici stanno ridisegnando. Il progetto che a febbraio ha causato una crisi politica e l'elezione anticipata per i 31 seggi del parlamentino locale riguarda terre rare e uranio nel sud dell'isola di Kuannersuit. L'australiana Greenland Minerals, sostenuta dal gruppo cinese Shenghe, ha ottenuto una licenza di esplorazione per la miniera che puo' trasformarsi in una risorsa economica in grado di affiancare l'altra grande industria dell'isola, la pesca.

Le terre rare, infatti, sono un gruppo di diciasette metalli utilizzati come componenti in dispositivi high-tech come smartphone, schermi piatti, auto elettriche e armi. Gli ambientalisti temono però che l'estrazione su larga scala possa danneggiare il paesaggio incontaminato e aggravare le minacce all'ecosistema groenlandese.

Il partito socialdemocratico Siumut, il piu' grande della Groenlandia, domina la politica dell'isola dal 1979 ma e' dato indietro nei sondaggi anche a causa del sostegno al progetto minerario. Il partito d'opposizione verde e di sinistra Inuit Ataqatigiit (Ia), avanti nei sondaggi, si oppone all'estrazione dell'uranio per timore dei rifiuti radioattivi. Il territorio autonomo danese nel 2009 ha ottenuto la proprieta' delle sue riserve minerarie insieme all'autogoverno e da tempo nutre la speranza che le ricchezze che si ritiene siano sepolte sotto la sua superficie (e che lo scioglimento dei ghiacci rende via via accessibili) la aiutino un giorno a tagliare il cordone ombelicale finanziario con Copenaghen. Nuuk, la capitale groenlandese, dipende infatti dai sussidi danesi annuali di circa 526 milioni di euro, circa un terzo del suo bilancio nazionale. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    groenlandia voto sfruttamento risorse autonomiagroenlandia voto sfruttamentogroenlandia risorse sfruttamento
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari

    CDP, presentato il report sulla sostenibilità nei sistemi agroalimentari


    casa, immobiliare
    motori
    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici

    Stellantis lancia il nuovo Scudo e Ulysse anche 100% elettrici


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.